Sapere aude: più di un buon motivo per appassionarsi allo studio del latino al Liceo Scientifico e Linguistico “Tedone”

Studiare il latino dà un senso alla nostra identità, aiuta a conoscere le radici e le ragioni dei cambiamenti che hanno attraversato i secoli, favorisce una comprensione più profonda dei molteplici aspetti della nostra civiltà occidentale e ci consente di attraversare strade impervie per raggiungere risultati straordinari

News
Terlizzi venerdì 21 gennaio 2022
Liceo Scientifico e Linguistico "Orazio Tedone"
Sapere aude: più di un buon motivo per appassionarsi allo studio del latino al Liceo Scientifico e Linguistico “Tedone”
Sapere aude: più di un buon motivo per appassionarsi allo studio del latino al Liceo Scientifico e Linguistico “Tedone” © n.c.

Studiare il latino dà un senso alla nostra identità, aiuta a conoscere le radici e le ragioni dei cambiamenti che hanno attraversato i secoli, favorisce una comprensione più profonda dei molteplici aspetti della nostra civiltà occidentale e ci consente di attraversare strade impervie per raggiungere risultati straordinari, per angusta ad augusta.

Benché produca anche qualche utilità accidentale, lo studio del latino non ha fini materialistici: negli anni dell’istruzione secondaria serve nella misura in cui prepara ad affrontare la complessità e le sfide del mondo contemporaneo, formando la persona nella sua globalità, nella dimensione razionale e spirituale. Più che una “lingua morta” il latino può ritenersi una lingua storicamente conclusa ma dalle tracce ancora vitali. Dopo aver dismesso la sua funzione di lingua nazionale, è rimasta per secoli la lingua franca della civiltà occidentale, è stata la lingua universale della diplomazia e delle pubblicazioni scientifiche in Europa, ha fornito l’ortografia alle lingue contemporanee, ha corredato iscrizioni a lapidi e monumenti di interesse storico e archeologico, ha dato la nomenclatura degli studi scientifici ed è rimasta fino ad oggi la lingua ufficiale della Santa Sede.

Con il latino ci si può inoltrare in profondità nel significato delle parole, per ritrovare il cuore di un concetto stratificato e riapplicarlo al nuovo contesto. Lo scavo etimologico aiuta a sviluppare le capacità di sintesi, di ricerca e di astrazione utili in tutti gli ambiti della vita. Ogni parola latina racconta l’evoluzione di una civiltà, ne descrive una storia e la proietta nel futuro. Il lessico latino pervade alcune tra le lingue contemporanee più parlate al mondo ed è dappertutto intorno a noi: non solo nelle derivazioni lessicali delle lingue romanze (italiano, francese, spagnolo, portoghese e rumeno) ma anche in buona parte del patrimonio lessicale inglese (master, plus, summit, am e pm, computer). Lo stesso inglese non ha soppiantato del tutto il latino nell'ambiente scientifico internazionale: la biologia parla ancora oggi di esperimenti “in vitro”, la medicina e le professioni sanitarie di “placebo”, “ictus”, “angina pectoris”. Imparare il latino è prezioso anche per chi intende studiare diritto, visti i numerosi termini ed espressioni latine presenti nel discorso giuridico.

La struttura del latino è quella di una lingua altamente organizzata e logica. Apprenderla allena e affina la prontezza mentale, determina un'attenzione più acuta ai dettagli, sviluppa il pensiero critico, migliora le capacità di risoluzione dei problemi, ci fa coordinare le idee, riflettere sui vari modi di dire la stessa cosa e, di conseguenza, ci aiuta a scrivere e parlare meglio in italiano. Studiare il latino significa imparare come è nata e come è cambiata nel tempo la nostra lingua madre. Lo studio della grammatica e della sintassi potenzia le capacità logiche e di ragionamento, utili in tutte le discipline (dalla matematica alla robotica alla filosofia), e rappresenta il modello per lo studio di qualsiasi altra lingua flessiva (come il tedesco o le lingue slave). L’esercizio traduttivo da e verso il latino è un gioco di incastri linguistici e culturali: si fissano dei traguardi per livelli, proprio come avviene nelle lingue straniere moderne, in un crescendo di difficoltà che risponde a una logica di gamification con il coinvolgimento totale dei discenti.

Studiare il latino, quintessenza dell’oratoria, influisce positivamente sull’efficacia del discorso e dona eloquio e sicurezza argomentativa. Il latino è la lingua in cui sono stati espressi i pensieri più sofisticati della cultura occidentale, la lingua in cui sono stati composti versi e brani di un lirismo assoluto, espressione di valori e sentimenti universali.

Ulteriori informazioni saranno fornite nei seguenti appuntamenti:

Latino Lab, venerdì 21 gennaio 2022;
Open Day in presenza mercoledì 26 gennaio 2022.

Si raccomanda di prenotare la propria partecipazione al Laboratorio di Latino sul modulo dedicato o di segnalare la propria adesione in segreteria, anche solo telefonicamente, al numero 080 3601414.
Prenota qui la tua partecipazione