L’evento si svolgerà domenica 17 febbraio alle ore 18

Alla Don Pietro Pappagallo "Tutti quanti voglion fare il jazz"

Un progetto/spettacolo con la finalità di avvicinare alle sonorità del jazz i bambini attraverso l’esecuzione delle colonne sonore del grande cinema d’animazione

Spettacolo
Terlizzi lunedì 11 febbraio 2019
di Emma Ceglie
la carica dei 101
la carica dei 101 © n. c.

“Tutti quanti vogliono fare il jazz” è il titolo scelto per esplicitare i contenuti di un progetto/spettacolo la cui finalità è quella di avvicinare alle sonorità jazz i bambini attraverso l’esecuzione delle colonne sonore del grande cinema d’animazione.

Brani tratti dalle pellicole cult del genere “cartoon movie” come "Everybody wants to be a cat", "Crudelia De Mon", "Spiderman", "Alice in Wonderland" e altri ancora, saranno riproposti con inediti arrangiamenti da un ensamble di affermati musicisti pugliesi.

Vito Liturri, Marco Boccia, Francesco Lomangino e Gianlivio Liberti insieme ad Emma Ceglie (voce solista della formazione nonché ideatrice e coordinatrice dell’evento) saranno per l’occasione: ”The Jazz Cartoon Band", nome scelto proprio in riferimento alla performance messa in scena.

La performance musicale vedrà anche la partecipazione del Coro degli Alunni delle V Classi della Scuola Elementare Don P. Pappagallo diretti dal Maestro Daniele De Palma. Introdurrà la serata il professor Alceste Ayroldi, saggista e critico musicale di fama nazionale, la cui partecipazione straordinaria sarà funzionale a spiegare il forte legame che vi è tra il mondo dei cartoni animati e il Jazz.

Infatti le rocambolesche ed emozionanti peripezie dei protagonisti di film come "Gli Aristogatti" "La carica dei 101", "Biancaneve", sono animate da musiche considerate capolavori del Jazz. Pagine indimenticabili composte da autori monumentali come Duke Ellington, Miles Davis, George Burns, veri mostri sacri del genere in questione.

Il professor Ayroldi, quindi, sarà la voce narrante della serata. Attraverso un linguaggio di facile fruizione e con l’ausilio di immagini tratte dai celebri film proiettate a supporto, il critico musicale commenterà le celebri partiture e condurrà il pubblico presente nel fantasmagorico universo del jazz di cui effettivamente i cartoni animati sono zeppi. Un evento destinato alle famiglie e in modo speciale ai più piccoli, che unisce la magia del jazz al divertimento dei capolavori del cinema animato.

Dunque, un progetto dall’indubbio valore pedagogico per i contenuti sociali, culturali, educativi naturalmente espressi nella cifra stilistica del jazz. Non a caso la Federazione Nazionale Il Jazz Italiano ha promosso il I Convegno Nazionale “Il jazz va a scuola”, che si terrà a Bologna il 17 novembre prossimo. Paolo Fresu, musicista e Presidente della Federazione dichiara:

«Coscienti del bisogno di promuovere ed incentivare la presenza dei linguaggi improvvisativi nella scuola, la Federazione organizza il 1° Convegno Nazionale “Il jazz va a scuola” con l‘intento di conoscere e mappare la ricca realtà nazionale. Una realtà in progresso che vuole parlare nuove lingue d’arte tese allo scambio e all’incontro come sempre è stato per il Jazz: idioma dinamico ed elastico per antonomasia. Una musica nuova per una scuola migliore e una sinfonia di voci plurali per una migliore società del futuro. L’unico modo di implementare l’interesse per il jazz, ringiovanendone la platea, è di ripartire dall’infanzia: musiche, gioco e strumenti da far conoscere ai bambini dando loro la possibilità di suonarli».

Pensate che alla domanda ”Cos’è il jazz?” rivolta da un bianco al trombettista Louis Armstrong, il genio di New Orleans rispose: ”Amico, se lo devi chiedere, non lo saprai mai”... «I bambini - conclude Fresu - sono grandissimi improvvisatori: veloci rapidi, intuitivi, totalizzanti, proprio come il jazz!»

L’evento si svolgerà domenica 17 febbraio alle ore 18 presso la Don Pietro Pappagallo. Trattandosi di un evento culturale destinato ai più piccoli e alle loro famiglie, i bimbi presenti in sala saranno omaggiati dalle mascotte Disney, Minnie e Topolino, con piccoli doni e gadget.

Lascia il tuo commento
commenti