Tesoro risponde alla consigliera Galliani

«Banda ultralarga nelle scuole è tema su cui il Comune lavora da tempo in sinergia con Regione»

L’assessore ai Lavori Pubblici, Franco Tesoro, interviene sul tema della connettività nelle scuole di Terlizzi

Politica
Terlizzi venerdì 20 novembre 2020
di La Redazione
Bonus internet e pc, ecco come funziona
Bonus internet e pc, ecco come funziona © n.c.

"L’amministrazione comunale di Terlizzi lavora già da tempo alla individuazione di soluzioni tecnologiche che vanno nella direzione di una completa inclusione digitale degli studenti di Terlizzi. È del tutto evidente che - al netto delle strumentalizzazioni politiche - si tratta di un tema serio che coinvolge la Puglia e l’Italia intera".

L’assessore ai Lavori Pubblici, Franco Tesoro, interviene sul tema della connettività nelle scuole di Terlizzi, sollevato dalla consigliera del gruppo misto Mariangella Galliani, promotrice di una petizione per dotare tutte le scuole cittadine di infrastrutture wifi. "I numeri sono emblematici: secondo il primo «Rapporto sulla connettività nelle scuole pugliesi», realizzato ad agosto 2020 da parte della stessa Regione Puglia, la stragrande maggioranza degli edifici pugliesi (il 68%) non ha accesso alla banda ultralarga. Le cifre tracciano in maniera chiara un gap tecnologico che deve essere necessariamente colmato e ciò non solo in funzione della didattica a distanza (che si auspica resti solo un’eccezione limitata nel tempo e all’emergenza pandemica), quanto per garantire ai giovani strumenti di apprendimento moderni e all’avanguardia".

"Come già detto - osserva l’assessore -, si tratta di un tema di valenza nazionale. È appena il caso di ricordare, infatti, che il Piano Scuola del Governo ha previsto circa 400 milioni di euro di investimenti per potenziare la connettività delle scuole portando negli istituti la banda ultralarga. L'obiettivo, dichiarato dal ministero dell’Istruzione, è garantire rapidamente una connessione veloce all'81,4% dei plessi scolastici, quelli del primo e secondo ciclo, per un totale di 32.213 edifici. Previsti anche voucher per le famiglie: fino a 500 euro, in base all'Isee, per connessioni veloci, pc e tablet. È urgente, dunque, che tali misure al momento solo annunciate diventino effettive".

"All’interno di questo contesto generale, il Comune di Terlizzi è pronto a lavorare in sinergia con la Città Metropolitana di Bari, la Regione Puglia e il Governo per l’infrastrutturazione digitale delle scuole della nostra città. Non a caso l’argomento è stato già oggetto di confronto nel corso della conferenza di servizio, tenutasi il 16 luglio scorso, tra Comune di Terlizzi e i dirigenti scolastici di Terlizzi, incontro ufficiale a cui presero parte anche alcuni consiglieri comunali".

"La modernizzazione delle nostre scuole - conclude Tesoro - è un tema serio che va affrontato con serietà, lasciando da parte sentimenti di rivalsa, ripicche o polemiche sterili dettate dal senno del poi. Si ricorderà come alla vigilia dell’attuale anno scolastico, gli orientamenti dettati da Governo, Regione Puglia e Anci, riguardavano interventi infrastrutturali tesi ad assicurare il distanziamento interpersonale degli alunni in uno scenario di didattica in presenza. A questo obiettivo il Comune di Terlizzi e le scuole hanno dedicato tempo, risorse umane e finanziarie".

"L’inasprirsi dell’emergenza pandemica, oggi, ci pone di fronte ad ulteriori sfide e sforzi da compiere. Il compito di un amministratore e, più in generale, della classe dirigente di una comunità, è e deve essere dunque quello di individuare o proporre soluzioni puntuali nelle sedi istituzionali preposte".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 20 novembre 2020 alle 21:00 :

    Ma i genitori su che basi scientifiche scelgono se mandare o meno i loro figli a scuola? Si sceglie quasi sempre sulla spinta di dati emotivi, quelli dei contagi e dei decessi forniti dalla Regione. La stessa Regione che poi permette di lasciare i figli a casa. Un circolo vizioso. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 20 novembre 2020 alle 20:54 :

    Le reti Wi-Fi? L'ennesimo favore istituzionale alle compagnie telefoniche, le uniche che stanno arricchendosi con la didattica a distanza. Rispondi a Franco

  • Mariangela Galliani ha scritto il 20 novembre 2020 alle 18:06 :

    A proposito, nella Conferenza di Servizi del 16 giugno 2020, che ha voluto richiamare, convocata in ottemperanza a quanto disposto dal Piano Scuola 2020/2021, l'Assessore Tesoro competente in materia di Edilizia Scolastica e di Lavori Pubblici, lo ribadisco, era assente. C'ero io. Sono certa che, però, lui non fosse al mare quel giorno e che abbia preferito semplicemente non occuparsene. Rispondi a Mariangela Galliani

  • Mariangela Galliani ha scritto il 20 novembre 2020 alle 17:48 :

    Inoltre, voglia cogliere, l'assessore Tesoro e i suoi più prossimi, un suggerimento. Arricchisca, se gli riesce, il vocabolario. Le stesse frasi ripassate da un cortigiano all'altro tradiscono la paternità intellettuale degli spot. Ho un grande senso di rivalsa, ha ragione! Un gigantesco senso di rivalsa per il mio Paese e sogno, ad ogni alba, l'arrivo di un magico Pifferaio che mandi finalmente a mare i voraci roditori che lo deturpano e ogni giorno gli portano disonore. Rispondi a Mariangela Galliani

  • Mariangela Galliani ha scritto il 20 novembre 2020 alle 17:39 :

    L'assessore Tesoro dimentica, o finge di farlo, la previsione di un punto specifico del programma elettorale votato dalla Cittadinanza e ratificato successivamente dalla Maggioranza consiliare, che inseriva tra le priorità della Amministrazione vigente questa della infrastrutturazione con rete wifi delle scuole cittadine. Avevamo anticipato sui tempi persino il Governo. Poi siamo rimasti indietro. Come sul resto. Si affretti piuttosto a mettere in atto tutte le misure necessarie a tutelare il diritto allo studio dei cittadini terlizzesi, dia un senso alle sue precise competenze assessorili che gli attribuiscono la piena responsabilità nell'EDILIZIA SCOLASTICA e nei LAVORI PUBBLICI. Ruvo lo ha già fatto. Rispondi a Mariangela Galliani