Il commento del primo cittadino

Il Sarcone diventa ospedale Covid, Gemmato: «Umiliazione per Terlizzi»

Il sindaco: «La sinistra, ipocrita e disonesta intellettualmente, fa passare questa brutta notizia per una vittoria»

Politica
Terlizzi mercoledì 28 ottobre 2020
di La Redazione
Coronavirus, Gemmato: «In città ci sono attualmente sei positivi e nove persone in quarantena»
Coronavirus, Gemmato: «In città ci sono attualmente sei positivi e nove persone in quarantena» © N. C.

Il Sarcone diventa da oggi ospedale Covid. La risoluzione della Regione Puglia è stata ufficializzata con un documento firmato dal direttore generale della sanità pugliese Antonio Sanguedolce.

A partire da domani alle ore 8 saranno sospese nell'ospedale di Terlizzi tutte le attività programmate di ricovero e ambulatoriali, compresi i day service.

Nella serata di ieri è arrivata la reazione del sindaco di Terlizzi Ninni Gemmato, che afferma: "Da oggi il presidio 'Michele Sarcone' è ufficialmente una scatola vuota. Il motivo? Il Sarcone è destinato ad accogliere 40 posti letto 'post-Covid'. Quando, con quale criteri, con quale personale, con quali procedure di sicurezza, con quali soluzioni alternative per gli altri malati non covid, costretti a sloggiare da Terlizzi, tutto questo non si sa".

Il primo cittadino critica la posizione in merito a questa evoluzione della sinistra di Terlizzi, che "con una straordinaria prova di ipocrisia e disonestà intellettuale, fa passare questa notizia come una vittoria straordinaria, continuando a prendersi gioco dell’intelligenza dei terlizzesi anche ora che la campagna elettorale è terminata".

"Il Pronto Soccorso resta chiuso. Medicina, Chirurgia, Pneumologia restano chiusi. Il Centro Unico delle Prenotazioni (CUP) non funziona. E da oggi persino gli ambulatori e i day service dovranno fermarsi - prosegue il sindaco - Per la sinistra, intenta a fare propaganda politica in piena emergenza pandemica, questa sarebbe una vittoria, la prova che il presidio di Terlizzi resti un polo strategico. È davvero incredibile come facciano a non provare vergogna per così tanta sfacciataggine. Non hanno mosso un dito quando il Sarcone è stato chiuso, non hanno detto una parola quando hanno chiuso il pronto soccorso, non hanno scritto nemmeno una letterina al Prefetto quando hanno chiuso gli ultimi reparti rimasti. E adesso che chiudono pure i tanto decantati ambulatori loro applaudono e urlano di gioia. Non ho nessuna voglia di fare polemica con questi soggettoni, abbiamo altro di importante a cui pensare. Ma, credetemi, è sconcertante questa loro capacità di addolcire con le parole quella che è una vera e propria umiliazione per Terlizzi e per i terlizzesi. Al punto che questa loro capacità di mentire si potrebbe confondere con un loro inconsapevole analfabetismo politico sul tema salute", conclude Gemmato.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • gioacchino tricarico ha scritto il 28 ottobre 2020 alle 12:50 :

    perchè umilizione? io direi valorizzazione, visti i tempi che corrono ... eroica valorizzazione ... meglio di una scatola vuota. Rispondi a gioacchino tricarico

  • Mario ha scritto il 28 ottobre 2020 alle 09:50 :

    Osservo le vicende del Sarcone già da tempo. Lo osservo da 500km a nord, e il maltrattamento di questo importante polo medico dell'hinterland barese è davvero qualcosa di imbarazzante e vergognoso. Mi associo a quanto detto dal Sindaco quando dice che la Provincia ne ha fatto uno strumento di propaganda politica che a mio avviso gli si ritorcerà contro. Il Sarcone è dei terlizzesi prima di tutto Rispondi a Mario