La reazione del primo cittadino

Chiusura pronto soccorso, Gemmato contro Emiliano: «Scelte che rischiano di uccidere come il virus»

Il sindaco: «Il governatore beffa Terlizzi: chiuso il Pronto Soccorso, cancellata la Pneumologia, azzerata la Medicina»

Politica
Terlizzi giovedì 12 marzo 2020
di La Redazione
gemmato
gemmato © TerlizziLive

«L’ospedale ‘Michele Sarcone’ non è più un ospedale. In piena emergenza sanitaria il presidente Michele Emiliano mi ha appena comunicato la chiusura del Pronto Soccorso, la cancellazione definitiva di Pneumologia e addirittura l’azzeramento anche di Medicina. Proprio nel momento più drammatico del nostro Paese, proprio quando servirebbe attivare nuovi posti letto per le emergenze, il presidente della Regione Puglia decide invece di uccidere definitivamente l’ospedale di Terlizzi trasformandolo in un presidio territoriale di assistenza per lungodegenti. Esattamente il contrario di quello che avevamo proposto appena qualche giorno fa». Lo afferma il sindaco Ninni Gemmato senza nascondere l’indignazione per le disposizioni arrivate oggi da parte dell’Asl di Bari, riguardanti l’ospedale «Michele Sarcone».

Così il sindaco di Terlizzi, Ninni Gemmato, commenta la notizia, diffusa nel pomeriggio dall'Asl, della chiusura del pronto soccorso dell'ospedale di Terlizzi a partire da lunedì prossimo, 16 marzo.

«Nascondendosi dietro l’emergenza Coronavirus, un farneticante Emiliano chiude le porte agli acuti e sostituisce il Pronto soccorso con un’ambulanza. È una follia senza senso che metterà in ginocchio l’intero sistema sanitario del Nord Barese visto che i posti letto per acuti cancellati qui non saranno attivati altrove: Molfetta, Terlizzi, Corato, Ruvo di Puglia, Giovinazzo e Bitonto, restano senza un reparto di Pneumologia», aggiunge il primo cittadino, che definisce il provvedimento riorganizzativo «una beffa plateale visto che appena qualche giorno fa avevo avanzato la proposta di riattivare i posti letto per acuti di Pneumologia, di utilizzare due macchine abbandonate per la respirazione artificiale e di valutare l’attivazione di posti letti di Terapia Intensiva per far fronte alle emergenze legate al Covid-19. E invece, purtroppo, accecato dal risentimento per le recenti attenzioni giornalistiche sul caso Terlizzi, Emiliano in un colpo solo svuota l’intero ospedale per destinarlo alla lungodegenza post-acuzie. L’ultima cosa da fare in questo momento così grave per l’Italia e la Puglia è smantellare un ospedale. Si dovrebbe soltanto vergognare: così facendo si fa beffe non del sindaco di Terlizzi, ma dell’intera comunità. Il timore dei cittadini è che le sue politiche sconsiderate siano pericolose tanto quanto qualsiasi altro virus», conclude il sindaco.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Sabina cagnetta ha scritto il 13 marzo 2020 alle 10:47 :

    É inaudito. Oltre alla chiusura dei reparti la scelleratezza di chiudere un pronto soccorso , tra l altro in questo frangente in cui invece le strutture dovrebbero essere potenziate per garantire la salute dei cittadini ,é al contrario di ogni logica. Perché oltre al corona virus gli altri malesseri , non sono andati in ferie di sospensione... Per giunta prima di chiudere qualsiasi attività di reparto si dovrebbe prima potenziare altrove per far confluire senza sovraccaricare i presidi che rimangono attivi. Ci sono sindaci come Decaro che piangono per la propria città ed altri politici come emiliano che fanno piangere. ll ridimensionamento sanitario dovrebbe avvenire nei limiti della civiltà, perché in ogni città dovrebbe avere almeno un pronto soccorso altrimenti siamo in Africa. Rispondi a Sabina cagnetta

  • Roberto Cantù ha scritto il 13 marzo 2020 alle 06:29 :

    Provvedimento infame e baffardo. Lo sceriffo si nasconde dietro l'annuncio di assunzioni in sanità chiudendo, di fatto, un ospedale. A questo si aggiunge l'infamia del supporto dei suoi sostenitori terlizzesi. VERGOGNA! Rispondi a Roberto Cantù

  • Una Terlizzese I cazzata! ha scritto il 12 marzo 2020 alle 19:57 :

    Spero ce il sig. Emiliano stia sempre bene non si sa mai! Rispondi a Una Terlizzese I cazzata!

    Leonarda cafagna ha scritto il 13 marzo 2020 alle 08:51 :

    È uno schifo Emiliano bisognerebbe aprire tutti gli ospedali e poi pensare ad una eventuale chiusura non ora si mettesse una mano alla conoscenza.Bisognerebbe mandare un i mail a Roma e vedere come fare Rispondi a Leonarda cafagna

    Domenico Magrone ha scritto il 13 marzo 2020 alle 08:18 :

    Buongiorno Sindaco, quanto correttamente espresso nell'articolo, dovrebbe evidentemente dichiararlo ai media nazionali per essere ascoltati e destare maggiore attenzione. Vista la gravissima emergenza sanitaria in atto a livello nazionale/mondiale e l'onda lunga che arriverà a breve, non penso che tale paradosso/decisione presa in questo momento particolarmente critico da Emiliano, possa rimanere inascoltata e indignare chi a diversi livelli di operatività sta lottando in trincea per cercare di arginare la pandemia. Rispondi a Domenico Magrone