Botta e risposta

Incarichi dirigenziali, interrogazione parlamentare del Pd. Gemmato: «Qui vige trasparenza»

Il partito, attraverso il suo deputato Ubaldo Pagano, ha richiesto alla Camera «una verifica da parte dei servizi ispettivi di finanza pubblica in sinergia con l'ispettorato per la funzione pubblica presso il Comune di Terlizzi»

Politica
Terlizzi martedì 18 febbraio 2020
di La Redazione
mercato dei fiori
mercato dei fiori © n. c.

L'amministrazione comunale replica all'interrogazione del deputato del Partito Democratico Ubaldo Pagano, che ha depositato ieri, 17 febbraio, una interrogazione parlamentare a richiesta scritta al ministro dell'Economia e delle Finanze, al ministro per la Pubblica amministrazione e al titolare dell'Interno per sollecitare - come si legge in un comunicato dei dem locali - "una verifica da parte dei servizi ispettivi di finanza pubblica in sinergia con l'ispettorato per la funzione pubblica presso il Comune di Terlizzi, alla luce degli effetti sul piano della gestione amministrativa e finanziaria del cumulo di incarichi".

La questione non è nuova e già nelle scorse settimane - con una istanza che data al 6 febbraio scorso - i consiglieri di opposizione hanno scritto al prefetto di Bari e all'Autorità Nazionale Anticorruzione per segnalare le condizioni a loro dire proibitive in cui sta esercitando il proprio mandato il nuovo dirigente tecnico del Comune di Terlizzi Piscitelli, a cui sono stati affidati "ad interim tutti i restanti settori del Comune di Terlizzi (Agricoltura, Floricoltura, Mercato Florovivaistico e Ortofrutta, Servizi Sociali, Cultura, Biblioteca, Pinacoteca, Istruzione, Suap, Sviluppo Economico, Tributi, Finanze, Personale, Affari Generali, etc. nonché evidentemente anche la Polizia Municipale)".

Il problema sollevato dall'opposizione non è relativo soltanto alla concentrazione di incarichi e deleghe, ma anche e soprattutto alla difficoltà di gestire tanti compiti per un dirigente che è peraltro ancora nel periodo semestrale di prova. Piscitelli, osservano ancora i rappresentanti della minoranza, "risulta non avere certamente né le competenze professionali e né l’esperienza per dirigere il settore altamente specialistico, quale le Finanze Locali, con il Bilancio di Previsione 2020 e con il Consuntivo 2019 alle porte. È da sottolineare che il Comune di Terlizzi avrebbe in pianta organica quattro dirigenze, ma attualmente una soltanto è effettivamente operativa, i cui carichi di lavoro e le responsabilità sono di gran lunga superiori alla normalità, senza neanche poter fruire delle posizioni organizzative".

A questa situazione vanno ad aggiungersi ulteriori difficoltà, contingenti e strutturali, come la collaborazione del Segretario Generale del Comune di Terlizzi in convenzione con il Comune di Minervino, la quiescenza - dal prossimo primo aprile - del Dirigente della Polizia Municipale Di Capua e la cessazione appena avvenuta del rapporto lavorativo del dirigente dell’Ufficio Tecnico Gianferrini. La richiesta dell'opposizione è che l'amministrazione comunale terlizzese si doti, a garanzia del funzionamento della macchina amministrativa, "di ulteriori figure apicali, idonee alle diverse discipline, evitando di accumulare/concentrare ad interim settori differenti, peraltro complessi e delicati".

Alle osservazioni del Partito Democratico ha risposto a breve giro di posta il sindaco Gemmato: «Quando vuole l’onorevole Ubaldo Pagano sarà sempre benvenuto nei nostri uffici, immagino che per lui possa essere solo un’utile esperienza formativa: si renderà conto che al Comune di Terlizzi si lavora, si producono atti, si erogano servizi e si realizzano opere pubbliche. Troverà una comunità che cresce. Piuttosto, dall’onorevole Pagano i cittadini si aspettano un’interrogazione al Ministero della Salute sulla chiusura di interi reparti negli ospedali nel Nord Barese e sulla mancanza di servizi essenziali per la salute, così da verificare se il nuovo piano di riordino regionale rispetti le previsioni di legge».

«Posso comprendere che Pagano sia abituato alle logiche del suo capofamiglia politico, Michele Emiliano, ma qui a Terlizzi si farà un’idea di trasparenza semplicemente consultando l’albo pretorio online dove troverà tutti gli atti comunali, nessuno escluso. In ogni caso noi siamo qui, quando vuole vedremo di trovare il tempo per fornirgli qualche ottimo spunto di buon governo», considera il primo cittadino.

«Se poi — conclude Gemmato — la sua interrogazione vuole essere un tentativo per parlare di altro e far dimenticare ai terlizzesi i disastri che avvengono ogni giorno in Puglia e nel Nord Barese a proposito di ospedali e imprese che chiudono (Mercatone Uno); di finanziamenti europei destinati alle imprese agricole miseramente persi; o della mancata chiusura del ciclo dei rifiuti che sta causando un pesante aumento della tassa rifiuti sui cittadini, allora Pagano ha fatto male i calcoli. Su questi temi l’Amministrazione comunale continuerà a farsi portavoce dei cittadini e delle imprese denunciando quanto sta accadendo sul territorio. E a quel punto chiederemo all’onorevole Pagano di interrogare, questa volta, se stesso», conclude Gemmato.

Lascia il tuo commento
commenti