Sanità e politica

Pneumologia, il primario: «Il reparto non è chiuso, in questo momento assistiamo 18 pazienti»

Cerini: «Continuiamo a leggere articoli nei quali si descrivono situazioni non vere, che attaccano il nostro operato e la nostra dedizione ai pazienti»

Politica
Terlizzi martedì 11 febbraio 2020
di La Redazione
Pneumologia, il primario: «Il reparto non è chiuso, in questo momento assistiamo 18 pazienti»
Pneumologia, il primario: «Il reparto non è chiuso, in questo momento assistiamo 18 pazienti» © giuseppe volpe

"L’Unità Operativa di Pneumologia/Riabilitazione Pneumologica dell’Ospedale Sarcone di Terlizzi non ha chiuso. Attualmente assistiamo 18 pazienti, garantendo attività di consulenza e assistenza per i pazienti del Pronto soccorso, per i ricoverati di Medicina Interna e anche per pazienti provenienti da altri presidi ospedalieri che necessitano di una consulenza specialistica. Non solo. Svolgiamo attività diagnostica, ambulatoriale e di ricovero ordinario per patologie respiratorie”.

La dichiarazione, non banale, arriva dal dottor Giuseppe Cerini, dirigente medico responsabile della Unità Operativa di Pneumologia/Riabilitazione Respiratoria dell’ospedale di Terlizzi. Cerini "intende fare chiarezza sulla situazione del presidio ospedaliero su cui insistono da tempo voci di chiusura accompagnate da campagne di disinformazione”.

“Continuiamo a leggere articoli nei quali si descrivono situazioni non vere, che attaccano il nostro operato e la nostra dedizione ai pazienti - continua Cerini - dal 1 agosto 2019 sono stati sospesi a Terlizzi i ricoveri per pazienti acuti di Pneumologia, come previsto dalle recenti 'Linee guida nazionali e internazionali', per le quali i ricoveri urgenti e di emergenza hanno bisogno di strutture protette, dotate di Rianimazione, apparecchiature adeguate e di tutta una serie di presidi finalizzati a mettere in totale sicurezza il paziente. Ma a fronte di questo cambiamento sono stati aumentati i ricoveri per riabilitazione respiratoria che è un settore fondamentale della Pneumologia", conclude.

Lascia il tuo commento
commenti