L'interrogazione parlamentare

Forza Italia: «Preoccupante calo della sicurezza nelle campagne, le istituzioni si attivino»

I referenti locali del partito il 29 gennaio scorso hanno presentato una istanza in Senato per sollecitare il Ministro dell’Interno ad affrontare il problema della sicurezza nelle campagne del nord barese

Politica
Terlizzi sabato 08 febbraio 2020
di La Redazione
Sorpresi a rubare le olive, ladri in fuga nelle campagne
Sorpresi a rubare le olive, ladri in fuga nelle campagne © Guardie Campestri

“In agro di Terlizzi si sta registrando una preoccupante escalation di furti di mezzi, carburante e prodotti agricoli, che sta mettendo in ginocchio l’economia di base del nostro territorio. Bande organizzate e indisturbate stanno vessando agricoltori e floricoltori, già duramente provati dalle calamità naturali e dal blocco dei fondi del Piano di Sviluppo Rurale regionale”.

La denuncia arriva da Forza Italia Terlizzi, che spiega di avere accolto le preoccupazioni degli agricoltori, di cui si è fatta portavoce presso "i nostri referenti istituzionali più sensibili ai problemi del mondo agricolo: il consigliere regionale Domenico Damascelli e il senatore Dario Damiani".

Il risultato è un’interrogazione parlamentare presentata il 29 gennaio scorso in Senato, in cui si sollecita il Ministro dell’Interno ad affrontare il problema della sicurezza nelle campagne del nord barese, stanziando risorse per "implementare la dotazione di uomini e mezzi".

“Questa situazione – dichiara il dirigente di Fi Terlizzi, Francesco Malerba – più che il risultato di sporadici episodi di malviventi occasionali, sembra essere opera di una vera e propria organizzazione che va dal furto alla ricettazione, con richiesta di riscatto. Un flagello non solo per le nostre campagne, ma anche per comuni vicini come Bitonto, Corato e Trani. Gli eventi criminosi si consumano ormai quotidianamente, anche durante gli orari di lavoro, e i nostri agricoltori vivono con il terrore di vedersi minacciare e derubare. Di notte, poi, i depositi in campagna vengono depredati di trattori, scuotitori, atomizzatori, motozappe, motoseghe e gasolio. Così non si può più andare avanti. Il grido di dolore dei nostri agricoltori è rimasto inascoltato dagli amministratori cittadini, ecco perché ci siamo rivolti ad esponenti regionali e parlamentari perché se ne facessero portavoce. Li ringraziamo per la loro sensibilità e per il loro impegno”.

“Le istituzioni – aggiunge il consigliere comunale azzurro Gaetano Minutillo – hanno il dovere di tutelare i cittadini lavoratori, concretizzando azioni politiche che realmente contrastino la criminalità organizzata. Faremo di tutto per tenere alta l'attenzione su questi temi a sostegno dei nostri agricoltori e floricoltori, che vedono andare in fumo il proprio reddito, frutto di tanti sacrifici”.

“Se muore l’agricoltura, non ci sarà futuro per i tanti giovani che in questi anni hanno investito tutte le loro risorse umane ed economiche per mantenere vivo e attivo il nostro territorio. Perciò saranno costretti a lasciare la nostra Puglia”, concludono i forzisti terlizzesi.

Lascia il tuo commento
commenti