La nota

Reddito cittadinanza, M5S: «Importo medio pari a 528€. In due mesi +18mila persone»

I dati diffusi dall'Ines: reddito e pensione di cittadinanza coinvolgono 235mila pugliesi

Politica
Terlizzi giovedì 02 gennaio 2020
di La Redazione
Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza © n.c.

«Continua a crescere l’esperienza del reddito e della pensione di cittadinanza in Puglia. Salgono a più di 98mila le domande accolte sulle 141 mila totali. Le due misure coinvolgono circa 235mila pugliesi e raggiungono più di 93mila nuclei familiari. L’importo medio del reddito di cittadinanza in Puglia è pari a 528,5 euro, la pensione a 233. Grazie alla ferma volontà del MoVimento 5 Stelle, la legge di bilancio che stiamo per approvare conferma questa storica risposta alla povertà. Sarà un Natale più dignitoso per tante famiglie». È questo quanto dichiara Giuseppe Brescia, deputato M5S pugliese e presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio, rendendo noti i dati relativi alla Puglia diffusi dall’Inps.

«Rispetto alla rilevazione di ottobre, alla luce delle 8mila domande accolte in più, la platea dei beneficiari aumenta di 18mila persone e 7mila nuclei familiari. Va detto inoltre che aumentano anche le domande respinte (più di 2000) e quelle decadute (circa 1000 in più), segno della serietà del sistema che abbiamo messo in piedi», aggiunge Brescia.

Guardando ai dati per provincia, l’importo medio del reddito di cittadinanza varia dai 545,6 euro della provincia di Taranto ai 501,75 della provincia di Brindisi. Circa 67mila persone coinvolte da reddito e pensione di cittadinanza vivono nella provincia di Bari, 41mila nella provincia di Lecce, circa 40mila nella provincia di Foggia e quasi 39 mila nella provincia di Taranto.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 03 gennaio 2020 alle 16:48 :

    Sì ma il Reddito di cittadinanza in origine doveva servire a inserire persone con disagio economico nel mondo del lavoro. Per ora si è limitato ad essere soltanto una forma assistenziale con enormi costi pubblici e pochi risultati per il futuro. Appena scadrà i poveri torneranno come prima. Rispondi a Franco

  • BERARDINO PUGLIELLI ha scritto il 02 gennaio 2020 alle 18:01 :

    È BRUTTO Rispondi a BERARDINO PUGLIELLI