"L'odio non ha futuro"

L'opposizione: «Il sindaco partecipi alla manifestazione pro Segre dell'Anci»

Il prossimo 10 dicembre l'Anci ha organizzato una manifestazione nazionale per esprimere sostegno alla senatrice a vita Liliana Segre, vittima di messaggi d'odio antisemita nelle ultime settimane

Politica
Terlizzi giovedì 05 dicembre 2019
di La Redazione
liliana segre
liliana segre © n. c.

Il prossimo 10 dicembre l'Anci ha organizzato una manifestazione a Milano per esprimere sostegno alla senatrice a vita Liliana Segre, vittima di messaggi d'odio antisemita nelle ultime settimane.

L’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) ha invitato, infatti, i sindaci d’Italia a scendere in piazza assieme, senza distinzioni, per ribadire con le loro fasce tricolore il messaggio che “L’odio non ha futuro”.

Il Partito Democratico di Terlizzi, i movimenti Città Civile e La Corrente si associano all’invito, già promosso dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali della Diocesi di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo, Terlizzi, ed "auspicano vivamente che il Sindaco o suo/a delegato/arappresenti la nostra comunità".

"Liliana Segre, tra gli ultimi sopravvissuti della Shoah ancora in vita, vittima nelle scorse settimane di indegni insulti e minacce a sfondo antisemita, merita la nostra solidarietà ed il nostro supporto - recita il comunicato congiunto delle forze d'opposizione -. In questi tempi bui di rigurgiti negazionisti, di proliferazione pericolosa della politica dell’odio e di subculturadella paura dell’altro, è più che mai irrinunciabile che le Istituzioni promuovano gesti pubblici di attenzione e sensibilità e di recupero della memoria".

"Occorre, quindi, che Terlizzi, anche per la storia che rappresenta, prenda parte alla manifestazione e stigmatizzi, senza tentennamenti, atteggiamenti razzisti, ottusi, aggressivi e persecutori. La nostra presenza, insieme a quella di piccoli e grandi Comuni di tutta Italia, rivestirà senza dubbio un forte connotato educativo per la nostra comunità e per le giovani generazioni", prosegue la nota, che conclude: "Invitiamo gentilmente il Sindaco, ove impossibilitato per impegni improrogabili, a voler valutare l’ipotesi di delegare qualcuno degli Assessori o dei consiglieri che con emozione, impegno ed orgoglio si renderanno disponibili a rappresentare la nostra Città in quella che è una vera e propria testimonianza di civiltà".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 06 dicembre 2019 alle 21:46 :

    S era capito benissimo che l'iniziativa della cittadinanza alla senatrice Segre aveva carattere esclusivamente politico non certo etico e che la famosa "lotta all'odio" era solo la lotta a Salvini. E dunque sono cose riservate alla parte politica che le promuove e ne ricava un ritorno. Rispondi a Maria P.