La nota

La Corrente: «Qual è l'impatto sociale del mancato avvio della mensa scolastica?»

Il movimento politico attacca l'amministrazione comunale sul servizio di refezione negli istituti scolastici, che è stato appaltato ma non è ancora stato avviato, ormai a metà ottobre

Politica
Terlizzi martedì 15 ottobre 2019
di La Redazione
mensa scolastica
mensa scolastica © n. c.

"Quale è l'impatto sociale del mancato avvio della mensa scolastica a Terlizzi?".

La Corrente attacca l'amministrazione comunale sul servizio di refezione negli istituti scolastici, che è stato appaltato ma non è ancora stato avviato, ormai a metà ottobre.

"Un dato: per quanto la mensa scolastica sia definita un 'servizio a domanda individuale', il Comune ha l'obbligo di garantirlo quantomeno per tutte le famiglie che hanno optato per il tempo pieno. E' il caso di Elena, mamma che durante il nostro sportello libri, ci ha raccontato di aver dovuto scegliere tra lavoro e famiglia e che, in assenza di informazioni chiare e tempi certi, ha abbandonato il posto di lavoro che tanto aveva cercato e che con fatica aveva ottenuto", si legge in un post del movimento politico terlizzese.

"Se ne aveste la possibilità, spostereste i vostri figli in altre scuole magari private? Perché nei comuni a noi vicini il servizio mensa è iniziato? A Giovinazzo il 30 settembre, Ruvo 1 ottobre, Corato 7 ottobre, Bitonto 14 ottobre. Quante ore di scuola hanno perso i nostri bimbi nel corso del 2019? Quanto interessano al Sindaco realmente le esigenze delle famiglie?", si domanda La Corrente, che ironizza, rivolgendosi a Gemmato: "sindaco il vostro motto è ancora Dio, patria e famiglia o lo avete troncato?".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 16 ottobre 2019 alle 08:56 :

    Sarà ma io resto legata al panino da casa, perché lo vietano a scuola? Non sarà per favorire le ditte di refezione scolastica? Rispondi a Maria P.

  • Maria P. ha scritto il 15 ottobre 2019 alle 07:03 :

    Speriamo sia una domanda autentica e non un modo camuffato per favorire le imprese della ristorazione scolastica. Rispondi a Maria P.