La querelle

San Giovanni Bosco, l'ex dirigente: «Gemmato abile affabulatore, ma i problemi della scuola restano»

Giuseppe Monopoli affida a TerlizziLive la risposta al sindaco, che aveva replicato ad una lettera formale inviata dalla scuola all'amministrazione comunale per segnalare le condizioni precarie dell'edificio di Via Millico

Politica
Terlizzi martedì 10 settembre 2019
di La Redazione
il cortile della don bosco
il cortile della don bosco © scuola don bosco

"Sono estremamente onorato dal fatto che il dottor Gemmato abbia speso parte del suo tempo prezioso per rispondere almeno ad una delle mie innumerevoli missive, che ho inviato alla sua attenzione nel periodo in cui ho ricoperto il ruolo dirigente scolastico presso il Secondo Circolo Didattico San Giovanni Bosco. Certo, il dottor Gemmato ha deciso di spostare la discussione da un ambito istituzionale ad un contesto più ampio: non una opportuna replica istituzionale ripresa dalla stampa, ma l’utilizzo di un organo di stampa per rispondere ad una lettera istituzionale. Ognuno è libero di utilizzare legittimamente i mezzi più consoni alla propria sensibilità".

Così l'ormai ex dirigente del II Circolo Didattico di Terlizzi, Giuseppe Monopoli, che affida a TerlizziLive la sua risposta a Gemmato, che aveva replicato pubblicamente alla missiva inviata dalla scuola all'amministrazione comunale per segnalare le condizioni di fragilità strutturale e di scarsa manutenzione in cui versa la sede di Via Millico.

"Spiace rilevare l’attacco personale allo scrivente: le comunicazioni da me inviate in qualità di dirigente di una Pubblica Amministrazione sono sempre state indirizzate non personalmente al dottor Gemmato, ma al Sindaco del Comune, anche se mi rendo conto che si tratta di sottigliezze che richiedono una certa sensibilità istituzionale. Poiché di attacco personale, diretto e pubblico si tratta, sento il dovere di rispondere personalmente attraverso gli stessi mezzi utilizzati dal dottor Gemmato", continua l'ex dirigente, assegnato per l'anno scolastico che sta per iniziare all'I'istituto tecnico industriale "Iannuzzi" di Andria.

"In premessa mi preme sottolineare che non ho mai ricoperto ruoli politici, non ho alcuna appartenenza partitica, non ho bisogno di crearmi consenso, e non ho alcun motivo per cercare visibilità. D’altronde, come è noto, non essendo residente nel comune di Terlizzi, non avrei nemmeno modo di incidere, neanche marginalmente, sulla politica cittadina. Pensare a 'cercare altrove' le motivazioni reali delle richieste, insinuare dietrologicamente altre 'mire' sottese alle sollecitazioni istituzionali, è probabilmente sintomatico della maniera di concepire i ruoli istituzionali da parte del dottor Gemmato, non certo dello scrivente", considera.

"Sono consapevole del fatto che il dottor Gemmato sia abituato a modalità comunicative tipicamente 'social', più che istituzionali, e pertanto vorrei ricordare al sindaco che la missiva del 23 luglio seguiva una analoga (anzi, più ricca) richiesta del 30 marzo. D’altronde, il sindaco sa benissimo che, prima di giungere a formalizzare a gran voce tali – e le molte altre – richieste, numerosi sono stati i tentativi di sollecitare in maniera informale, anche attraverso i suoi più stretti collaboratori, l’intervento dell’Amministrazione. Mi permetto dunque di suggerire al dottor Gemmato di rileggere con una certa attenzione le missive: la richiesta costante non è – o, quantomeno, non esclusivamente – quella di pronunciare appassionate dichiarazioni di intenti in pubblici contesti, ma di dar concreta soluzione alle criticità evidenziate - specifica Monopoli -. Lo spirito della richiesta è stato d’altronde ben interpretato dall’Ufficio Scolastico Regionale che, immediatamente dopo entrambe le lettere, ha sollecitato il Sindaco a risolvere le problematiche evidenziate. In particolare nell’ultima comunicazione, che ha tanto infastidito il dottor Gemmato, si torna a chiedere che gli interventi necessari e urgenti, cito testualmente, 'vengano avviati al più presto e conclusi prima dell’ingresso degli alunni a scuola, previsto per il 16 settembre p.v., al fine di scongiurare inopportune interferenze'. Se il dottor Gemmato ha la pazienza di rileggere attentamente, si accorgerà inoltre che da nessuna parte si disconosce il lavoro che l’amministrazione ha fatto nel passato, ma si chiedono soluzioni concrete per il presente e per il futuro. E questo non a vantaggio del professor Giuseppe Monopoli, ma degli alunni frequentanti i nostri plessi, veri e unici destinatari dell’azione istituzionale della scuola (e, auspicabilmente, dell’Amministrazione Comunale)".

"È ben nota la capacità oratoria ed affabulatoria del dottor Gemmato, che ho personalmente constatato in diverse occasioni - prosegue Monopoli -. Non sono personalmente dotato di tale competenza, e pertanto ripropongo in maniera semplice le richieste emergenziali più volte ribadite dallo scrivente nel periodo di dirigenza della scuola. Domande a cui è possibile rispondere attraverso semplici monosillabi.

1. I bambini, il 16 settembre, troveranno la pensilina sistemata?

2. Gli impianti di allarme sono stati ripristinati nei plessi scolastici e negli uffici?

3. Le barriere architettoniche per l’accesso agli uffici sono state eliminate? Le famiglie (e tutto il personale scolastico) possono accedere tranquillamente agli uffici attraverso l’ascensore, o sono ancora costretti ad utilizzare una scala anti-incendio che è, per sua natura, una scala di emergenza?

4. I bambini, il 15 novembre, troveranno la caldaia sostituita e funzionante?

Mi auguro che le risposte siano quattro sì. E non per una inesistente necessità di visibilità personale, ma per assicurare un avvio di anno scolastico sereno e tranquillo a tutti gli alunni della scuola, a tutte le famiglie, a tutto il personale docente e ATA e alla nuova collega, professoressa Clara Peruzzi, a cui va il mio personale augurio di buon anno scolastico", conclude l'ex dirigente della San Giovanni Bosco.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Angela Cataldi ha scritto il 10 settembre 2019 alle 15:03 :

    La scuola sta iniziando.... Rispondi a Angela Cataldi

  • Angela Cataldi ha scritto il 10 settembre 2019 alle 15:02 :

    Speriamo bene..... Su signor sindaco, faccia qualcosa eh..... Rispondi a Angela Cataldi

  • Paolo Tangari ha scritto il 10 settembre 2019 alle 14:54 :

    Concordo appieno con il D. S. Monopoli e sulla sua disamina della. vicenda. Come cittadino di Terlizzi, sottolineo, il FAR ORECCHIO DA MERCANTE del primo cittadino terlizzese che HA DELUSO APPIENOLE ASPETTATIVE DEI CITTADINI E MOLTI DEI SUOI ELETTORI. Presenza in OCCASIONI UFFICIALI, RIPETITIVITÀ DEI TRAGUARDI (?) RAGGIUNTI E L'ONNIPRESENTE SELFIE sono i suoi punti di riferimento, forse, per TENTARE LA SCALATA Regionale, nelle prossime consultazioni elettorali. Intanto muore la vita quotidiana della Città di Terlizzi. Sanità, scuola, servizi comunali e pubblici, viabilità È TUTTA ALLO SBANDO. GRAZIE, ma È. ORA DI FARE UN GESTO NOBILE. LASCIARE IL. SUO MANDATO. ISTITUZIONALE PERMETTERE A TERLIZZI DI SCEGLIERE. DI NUOVO. NON C'È GESYO PIÙ VILE DI IN PADRE CHE LASCIARE MORIRE DI INEFIA I FIGL Rispondi a Paolo Tangari