Il consigliere comunale ha protocollato una apposita interpellanza

«Diamo la cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati nati e residenti a Terlizzi»

La proposta del consigliere de La Corrente

Politica
Terlizzi sabato 03 febbraio 2018
di La Redazione
giuseppe volpe
giuseppe volpe © n. c.

Il consigliere Volpe ha protocollato il 15 gennaio scorso presso il Comune una interpellanza che propone di concedere la cittadinanza onoraria terlizzese ai figli di immigrati che siano nati in Italia e residenti o domiciliati a Terlizzi.

La proposta - scrive il consigliere de La Corrente nella istanza - è orientata a "lanciare un segnale importante al Parlamento e al prossimo governo affinché si arrivi a una legge sullo Ius Soli", concretizzando una fattispecie di "Ius Soli temperato" e "Ius Culturae", soggiunge.

"Queste sarebbero le nuove fattispecie per l’acquisto della cittadinanza italiana da parte dei minori stranieri - motiva Volpe - : Ius Soli Temperato: acquista la cittadinanza per nascita chi è nato nel territorio della Repubblica da genitori stranieri, di cui almeno uno sia in possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo.; Ius Culturae: per ottenere la cittadinanza il minore straniero, nato in Italia o entrato nel nostro Paese entro il compimento del dodicesimo anno di età, che abbia frequentato regolarmente, per almeno cinque anni nel territorio nazionale uno o più cicli di istruzione presso istituti appartenenti al sistema nazionale di istruzione o percorsi di istruzione e formazione professionale triennali o quadriennali idonei al conseguimento di una qualifica professionale".

"In attesa dell’auspicata riforma della legge sulla cittadinanza può essere attuato dal comune di Terlizzi un importante atto simbolico di grande valore civile quale il conferimento della cittadinanza onoraria ai figli nati in Italia da cittadini stranieri", continua il consigliere, che assicura la compatibilità di questa opzione con la legislazione nazionale e, in specie, comunale.

"In alcuni comuni italiani è già attivo lo strumento della Civil Card, un documento di pre-cittadinanza che certifica il profilo storico anagrafico grazie al quale il titolare può legittimamente presentare la domanda per diventare cittadino italiano, registrando tutti i dati storico-anagrafici, tra cui nascita, vaccinazioni e iscrizione a scuola". Con questo strumento - conclude - il sindaco può "riconoscere, come atto simbolico, il conferimento della cittadinanza onoraria ai bambini nati nel territorio italiano e figli di immigrati stranieri residenti o domiciliati a Terlizzi quale auspicata premessa di un effettivo riconoscimento della cittadinanza italiana da parte della legislazione nazionale".


Lascia il tuo commento
commenti