Ieri la comunicazione da parte della società napoletana al Comune di Terlizzi

La Capital srl sospende il servizio di mensa scolastica dopo la notifica dell'interdittiva antimafia

Nella serata di ieri è arrivata una comunicazione formale della concessionaria, che annuncia di voler sospendere con effetto immediato il servizio a Terlizzi. Dal primo febbraio il contratto dei dipendenti sarà risolto

Politica
Terlizzi martedì 25 gennaio 2022
di La Redazione
La Capital srl sospende il servizio di mensa scolastica dopo la notifica dell'interdittiva antimafia
La Capital srl sospende il servizio di mensa scolastica dopo la notifica dell'interdittiva antimafia © N. C.

E' notizia di ieri la clamorosa notifica dell'interdittiva antimafia alla Capital srl, società con sede a Napoli concessionaria del servizio di mensa negli istituti scolastici terlizzesi a tempo pieno. 

Anticipata da una interrogazione consiliare protocollata il 23 gennaio da Giuseppe Volpe, la disposizione - presa con atto n. 6488 del 10 gennaio 2022 - dalla Prefettura di Napoli, a quanto si apprende è stata comunicata soltanto ieri all'amministrazione terlizzese, che ha peraltro annunciato già in giornata immediati provvedimenti secondo legge. Analoga situazione si è verificata nel comune di Valenzano, che ha optato già il 21 gennaio scorso per la risoluzione anticipata il contratto con la società napoletana. 

In serata, tuttavia, è arrivata una comunicazione formale della stessa Capital, che annuncia di voler sospendere con effetto immediato il servizio a Terlizzi. "Allo stato attuale la Scrivente non è più nelle condizioni di erogare il servizio in oggetto, motivo per il quale da domani 25/01/2022 lo stesso si ritiene sospeso", si legge nella nota inviata al Comune di Terlizzi e, in rappresentanza dei dipendenti, alla Cgil. "È necessario rappresentare che, il personale esistente, ed impiegato per l’appalto de quo, se non interessato da una procedura di cambio d’appalto, sarà oggetto di inevitabile risoluzione contrattuale dalla data del 01/02/2022". 

Nel frattempo anche il sindacato di settore Filcams Cgil ha chiesto all'amminstrazione comunale terlizzese "un urgente incontro al fine di individuare soluzioni che possano garantire la continuità del servizio per non arrecare disagio agli alunni ed alle famiglie del territorio che fruiscono del servizio e garantire i livelli occupazionali e reddituali dei lavoratori del suddetto appalto". 

La situazione, come si vede, è complessa e in evoluzione: l'interruzione del servizio mensa, tuttavia, si prospetta piuttosto lunga.  

Lascia il tuo commento
commenti