La nota

Consiglio, Minutillo non partecipa per protesta: «Perché attività politica non riparte in presenza?»

Il consigliere di opposizione motiva la sua decisione di non prendere parte all'assemblea comunale in corso oggi

Politica
Terlizzi lunedì 19 luglio 2021
di La Redazione
minutillo
minutillo © n. c.

Il consigliere comunale di Forza Italia Gaetano Minutillo motiva in una nota diffusa nel pomeriggio la sua decisione di non partecipare - per protesta - al consiglio comunale di oggi. La ragione è il perdurare della modalità mista (ma di fatto ancora a distanza) prevista per l'assemblea cittadina. 

"Alcune volte i gesti devono essere forti. Questo lo è, perché partecipare al Consiglio Comunale è un dovere, ma non può essere calpestata la dignità delle persone. I cittadini terlizzesi hanno il diritto di tornare a discutere in presenza tramite i loro rappresentanti in Consiglio Comunale. Perché tutte le attività della città sono ripartite e i consiglieri comunali, per volontà del Sindaco e del Presidente del Consiglio, devono restare a casa?", si chiede Minutillo. 

"L'attuale gestione del Consiglio Comunale è affidata a persone che, come gli eterni adolescenti nella Playstation, ci giocano a loro piacimento. La politica cittadina silenziata e imbavagliata per evitare il contraddittorio. Come opposizione abbiamo chiesto ripetutamente e a più riprese, il ripristino della presenza in aula, senza togliere la possibilità a chi lo volesse, di collegarsi in remoto da casa. Hanno sempre risposto con sorrisi e ambiguità. Un'altra convocazione farsa dove ci si diverte a dare o togliere la parola a proprio piacimento senza la possibilità per le opposizioni di incidere con i mezzi che il regolamento comunale mette a disposizione".

"Nel nostro paese si può fare di tutto in presenza, bimbi ammassati nel Chiostro delle Clarisse per iniziative promosse dal comune, attività di svago serale in locali affollati, ma non si può svolgere il Consiglio Comunale - rileva l'esponente dell'opposizione -. Tornare a fare politica nella massima assise cittadina in presenza a Palazzo di Città, già luogo divenuto itinerante per negligenza di chi amministra la città, è una battaglia giusta", conclude Minutillo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • G.pp ha scritto il 20 luglio 2021 alle 03:49 :

    Si predica bene e si razzola male. Rispondi a G.pp

  • Io amo terlizzi ha scritto il 19 luglio 2021 alle 14:22 :

    Il lungo,il corto e il pacioccone sono e si sentono i padroni,ad a vin baffon..falli pure sghignazzare ormai sono alla frutta,ci vorra' ancora un po' di sofferenza e tanta pazienza,ma il dolce saranno altri a mangiarlo..auguri per un futuro migliore Rispondi a Io amo terlizzi