Decreto legge

Mattarella firma il decreto che obbliga alla vaccinazione gli operatori sanitari

Il documento prevede anche sanzioni, per coloro che non vorranno sottoporsi a vaccinazione, che prevedono la sospensione dal diritto di svolgere mansioni che implicano contatti interpersonali

Politica
Terlizzi lunedì 05 aprile 2021
di La Redazione
medici
medici © n. c.

Era atteso e infine è arrivato il decreto che impone l’obbligo di vaccinazione anti covid a tutti gli operatori sanitari, siano essi dipendenti pubblici o che svolgano attività privata.

Lo ha stabilito il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che ha firmato il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Il documento prevede anche sanzioni, per coloro che non vorranno sottoporsi a vaccinazione, che prevedono la sospensione dal diritto di svolgere mansioni che implicano contatti interpersonali e comunque a rischio di trasmissione del contagio, compreso il demansionamento.  

Entro martedì prossimo tutti gli operatori sanitari non ancora vaccinati, dovranno chiarire la propria posizione agli ordini professionali di riferimento. Il Decreto legge, che ha valore fino al 31 dicembre prossimo, è stato emesso «al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura assistenziale». Sono stati troppi i casi e i focolai del virus che nelle ondate precedenti della pandemia si sono sviluppati negli ospedali e nelle residenze per anziani. Scongiurare nuovi possibili focolai causati da mancate vaccinazioni è diventato adesso un obbligo a tutela della salute di tutti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • gioacchino tricarico ha scritto il 05 aprile 2021 alle 18:54 :

    finalmente! finalmente! Rispondi a gioacchino tricarico

  • Franco ha scritto il 05 aprile 2021 alle 07:44 :

    Si comincia con gli "operatori sanitari" (termine alquanto generico) e poi si finirà all'obbligo di vaccinazioni (Quali? Tutte?) per tutta l'umanità. Le case farmaceutiche esultano. Rispondi a Franco