L'aggiornamento

Vaccini, Lopalco: «Poche dosi, non bastano per tutte le richieste»

«Pfizer ha ridotto dopo richieste Usa. Solo in primavera dosi sufficienti»

Politica
Terlizzi lunedì 25 gennaio 2021
di La Redazione
Vaccino anti Covid
Vaccino anti Covid © Asl Bari

«Possiamo accogliere tutti gli appelli delle categorie professionali che chiedono di essere vaccinate, ma non possiamo soddisfarli perché non abbiamo il vaccino». Lo ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, nel seminario online "Covid-19: A scientific Update" organizzato dall'Ordine dei Medici di Foggia, dell’Università di Foggia-dipartimento Area medica e dall'Aiso Foggia. 

«La carenza di vaccino - ha continuato - diventa un collo di bottiglia impressionante in questo momento. Noi siamo consapevoli che odontoiatri, farmacisti, studenti di area medica hanno necessità essere vaccinati, ma purtroppo il taglio di Pfizer ci blocca. Non sappiamo nemmeno perche' Pfizer abbia ridotto le consegne, guarda caso non appena gli Stati Uniti d'America hanno lanciato una grande campagna vaccinale, Pfizer ha tagliato le dosi all'Europa. A pensare male si fa peccato». 

Lopalco ha fatto anche il punto sulla campagna vaccinale pugliese evidenziando che per quanto riguarda il «personale ospedaliero abbiamo quasi finito, mancano solo i due Policlinici dove abbiamo da smaltire qualche coda. E stiamo iniziando a vaccinare gli operatori del territorio, i ritardi nelle consegne delle dosi porteranno ad uno sfasamento di una o due settimane al massimo. Per le dosi, inoltre, Moderna invierà in Puglia 4.400 dosi la settimana prossima e potremo accontentare altri colleghi. Lunedì prossimo, quando conosceremo i giorni di consegna di Pfizer e Moderna, potremo stilare un calendario della campagna di vaccinazione più puntuale».

Secondo Lopalco, bisogna «stringere i denti sino a primavera-estate, perché solo in primavera avremo un numero di dosi di vaccino sufficiente per una campagna di massa».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 25 gennaio 2021 alle 17:11 :

     In realtà non abbiamo un piano vaccini e anche se arrivassero non sappiamo ancora a quali soggetti darli per primi. La scusa che Pfizer è in ritardo è comoda. Non si dice che all'inizio erano stati ordinati pochissimi vaccini Pfizer. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 25 gennaio 2021 alle 14:03 :

    Le dosi non sono poche di certo per fatalità ma per un contratto sottoscritto con Pfizer che le permette di fare come gli pare. Lo scaricabarile è insopportabile. Rispondi a Franco