Ieri in onda il servizio

Aula consiliare e Teatro Millico, le telecamere del Tg3 a Terlizzi

La questione delle condizioni di caos e disordine presenti nel Palazzo di Città ha destato l'interesse della testata giornalistica regionale, che ha intervistato in merito il sindaco e alcuni esponenti de La Corrente

Politica
Terlizzi sabato 23 gennaio 2021
di La Redazione
palazzo di città
palazzo di città © n. c.

Le telecamere del Tg3 a Terlizzi per l'aula consiliare e il Teatro Millico. 

La questione delle condizioni di caos e disordine presenti nel Palazzo di Città attualmente in fase di ristrutturazione - emersa in seguito alla diffusione via social di alcune immagini fotografiche rilanciate dall'opposizione - ha destato l'interesse della testata giornalistica regionale, che ha intervistato in merito il sindaco e alcuni esponenti de La Corrente. 

Il consigliere di opposizione Giuseppe Volpe parla di uno stato di vero e proprio abbandono, chiedendo al sindaco di ripristinare lo stato dei luoghi e di "risolvere questa bruttta pagina per la nostra città".

"Abbiamo un incontro venerdì con le ditte proprio per definire quanto prima questa questione", ha assicurato il sindaco Gemmato aò Tg3, che ha chiesto alla polizia municipale di indagare sulle motivazioni del disordine". 

A far discutere, però, non è solo il degrado dell'aula consiliare, ex sede del consiglio comunale, ma anche lo stato dei lavori del sottostante Teatro Millico, fermi ormai da anni per il fallimento della ditta incaricata. "Si tratta di un raro esempio di casa comunale con annesso teatro, realizzato a partire dal 1837 con uno stile denominato 'revival neoclassico", afferma la guida terlizzese Daniela Confetti. "Il teatro è un luogo per la città per immaginare e per immaginarsi e a Terlizzi sono anni che abbiamo smesso di immaginare qualcosa di meglio", dichiara l'attore e regista teatrale terlizzese Michele Altamura. 

Un bando regionale per ottenere finanziamenti è in questo momento aperto, ma prevede la copartecipazione di privati. Il sindaco stesso confida nell'ingresso di qualche forza esterna all'amministrazione: "Se ne potrebbe avvantaggiare Terlizzi, ma anche tutto il territorio", osserva il primo cittadino. 

La questione è insomma più che mai aperta e Michelangelo De Palma, coordinatore de La Corrente - movimento che dal 2018 segue la vicenda teatro-aula consiliare -, promette: "Non arretreremo di un passo sugli scempi perpetrati da questa Amministrazione a danno dei beni pubblici del nostro patrimonio storico, culturale,sociale e paesaggistico derubricati a cattedrali del mercimonio. Questi, così concepiti, appartengono a tutti noi e rappresentano, oggi più che mai, i luoghi del cuore da cui ripartire per disegnare il futuro collettivo della città".

 

 

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette