La nota

«La giunta Gemmato sarà ricordata per aver sfrattato i terlizzesi dal loro Palazzo di Città»

I consiglieri Grassi, Morrone, De Chirico e Galliani tornano a puntare i riflettori sulle condizioni strutturali della storica sede di Piazza IV Novembre, da qualche anno ormai inagibile

Politica
Terlizzi sabato 09 gennaio 2021
di La Redazione
palazzo di città
palazzo di città © n. c.

I consiglieri d'area del Partito Democratico Grassi, Morrone e De Chirico e la consigliera del gruppo misto Mariangela Galliani tornano a puntare i riflettori sulle condizioni strutturali della storica sede del Palazzo di Città, in Piazza IV Novembre, da qualche anno ormai inagibile.

I consiglieri imputano le responsabilità di questa perdurante situazione all'attuale amministrazione comunale: "Saranno ricordati come gli amministratori che hanno sfrattato i cittadini dalla casa comunale per far posto ai piccioni! Il Palazzo di Città abbandonato e con il soffitto pericolante, come più volte fatto notare al sindaco Gemmato nel corso delle sedute di Consiglio, che anni fa si celebravano nella storica sala consiliare, tra le più belle d’Italia".

"Come può, la politica, decidere sulle sorti di una cittadina senza avere una sede?", si chiede Grassi. "Tante le sedi provvisorie in cui la politica in questi ultimi anni è stata mandata raminga per discutere dei problemi della città: dopo la palestra della Pacecco (altra vicenda scandalosa!), l'auditorium della Gesmundo, la sala conferenze della Pinacoteca De Napoli e quella dei Servizi Sociali, il Mercato dei Fiori, ultimamente l’attività politica e i consigli comunali si svolgono rimanendo sul divano di casa, oppure su un trattore o mentre si cucina, come se si stesse al Grande Fratello", ironizza la nota.

"La scusa sono gli assembramenti, già, quelli che vengono comunque creati nella stanza del sindaco anche durante i consigli, ma la verità è che si vuole continuare a disamministrare in solitario, impedendo alle opposizioni di svolgere efficacemente l'azione di indirizzo e di controllo. Non è politica, non è servizio civico, non è serietà", concludono i consiglieri, che invitano l'attuale giunta ad "autosfrattarsi".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesco Malerba ha scritto il 09 gennaio 2021 alle 16:59 :

    Buonasera. ma perchè questo comunicato non è stato firmato anche da altri consiglieri comunali che ovviamente non sapevano nulla? La Galliani non è opposizione quindi invito i consiglieri Grassi e De Chirico di coinvolgere sempre tutti perchè il gioco a rompere che qualcuno vorrebbe mettere in atto non andrà a buon fine. Rispondi a Francesco Malerba