Clamoroso dietrofront

Positivo per errore: il terlizzese ricoverato a Molfetta non ha mai avuto il coronavirus

Ieri era stata ufficializzata la notizia della sua positività

Cronaca
Terlizzi giovedì 09 luglio 2020
di La Redazione
Coronavirus: oggi in Puglia un nuovo caso e due decessi.
Coronavirus: oggi in Puglia un nuovo caso e due decessi. © n.c.

Un’indiscrezione che, con il passare delle ore, ha assunto il contorno della certezza. Il paziente terlizzese in un primo momento creduto positivo al coronavirus in realtà è negativo.

La notizia arriva da ambienti dell'ospedale di Molfetta e sarà confermata a breve dallo stesso sindaco Minervini.

La motivazione alla base del disguido sarebbe un errore di trascrizione dell’esito del tampone. Il secondo tampone a cui è stato sottoposto il 45enne terlizzese, infatti, ha rivelato la non positività. Sulla base quindi di un confronto tra i due test si è arrivati dunque all’individuazione dell’errore.

Dopo la notizia della positività del terlizzese - che era ricoverato nell’ospedale di Molfetta per problemi di altra natura - erano scattati tutti i protocolli di sicurezza per arginare contagi. Anche la polizia locale era andata sul posto per accertarsi che nessuno entrasse nell’ospedale durante le operazioni di sanificazione.

Ora il dietrofront. Da un lato c'è sicuramente il sollievo, dall’altro, però, un senso di fastidio per non essere stati in grado di evitare, come direbbe il Bardo, "tanto rumore per nulla".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosanna Prisco ha scritto il 10 luglio 2020 alle 19:05 :

    Come Si fa! A fargli prendere un coccolone a sto cristiano Rispondi a Rosanna Prisco

  • Angela Cataldi ha scritto il 09 luglio 2020 alle 13:47 :

    Per fortuna.... Che sollievo!!! Rispondi a Angela Cataldi

  • Maria P. ha scritto il 09 luglio 2020 alle 12:37 :

    Pure il Sindaco si era lanciato in proclami frettolosi, senza attendere verifiche o smentite. La prossima volta contare sino a 10 prima di parlare. Rispondi a Maria P.

    G.pp ha scritto il 12 luglio 2020 alle 07:41 :

    E vero chi lavora c'è un margine di errore,pero' se esiste per confronto n.due tamponi ,bisogna aspettare il secondo tampone prima di diffondere un caso così grave che diamine? Rispondi a G.pp