Ambito Territoriale Sociale di Corato, Ruvo e Terlizzi

Borse lavoro e contributi per l'affitto per le donne vittime di violenza

A disposizione 21mila euro​. ​Per intraprendere il percorso di fuoriuscita dalle situazioni di abuso bisognerà rivolgersi ai Servizi sociali dei Comuni e avvalersi dell'aiuto del Centro "Riscoprirsi”

Cronaca
Terlizzi sabato 08 giugno 2019
di La Redazione
contributo affitto casa
contributo affitto casa © n.c.

Sostegno al reddito con contributi per il pagamento dell’affitto e tirocini formativi per l’inserimento lavorativo; sono queste le principali azioni di sistema individuate dall’Ambito Territoriale Sociale di Corato, Ruvo e Terlizzi per la presa in carico delle donne vittima di violenza domestica.

A beneficiare degli interventi potranno essere donne di età adulta (dai 18 anni in su) che abbiano subìto o subiscano comportamenti violenti da parte di partner, mariti, ex-partner, ex-mariti, altri familiari, genitori, conviventi e non.

Per i canoni di locazione il contributo mensile potrà ammontare a un massimo di 350 euro per un periodo compreso sei e 15 mensilità. Le borse lavoro potranno avere una durata tra i sei e i 12 mesi; per un ammontare non superiore ai 450 euro mensili.

Per intraprendere un percorso di fuoriuscita da queste situazioni di abuso bisognerà rivolgersi ai Servizi sociali dei Comuni e avvalersi dell'aiuto del Centro antiviolenza “Riscoprirsi”.

Per questa attività è a disposizione un importo complessivo di circa 21mila euro di fondi regionali che le diverse Amministrazioni di residenza delle donne beneficiarie potranno integrare con quote di compartecipazione.

«Si parla troppo spesso di violenza di genere – ha detto l’assessore alle Politiche sociali Monica Montaruli - eppure il tanto atteso cambiamento culturale, che dovrebbe prevenire il ripetersi delle violenza in contesti sempre troppo tolleranti verso gli uomini maltrattanti e giudicanti e poco accoglienti verso le vittime, stenta ancora a decollare. È dunque importante mettere a disposizione delle donne interventi efficaci per contrastare perpetrarsi di questa odiosa violazione dei diritti umani. Con questa progettualità intendiamo, quindi, fornire strumenti concreti alle vittime che trovano il coraggio di rialzarsi e di riprendere in mano la propria vita».

Lascia il tuo commento
commenti