Venerdì scorso la cerimonia

Onorificenze al merito della Repubblica Italiana per tre carabinieri terlizzesi

Il riconoscimento è andato a Giuseppe Rutigliani, Tenente Colonnello dell'Arma dei Carabinieri, a Vito De Lucia, Maresciallo Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, e a Mauro de Candia, Maresciallo dell’Arma dei Carabinieri

Cronaca
Terlizzi lunedì 18 ottobre 2021
di La Redazione
Il maresciallo Mauro De Candia è Ufficiale al Merito della Repubblica italiana
Il maresciallo Mauro De Candia è Ufficiale al Merito della Repubblica italiana © Comune di Terlizzi

Nel pomeriggio di venerdì scorso, nella Sala degli specchi a Palazzo della Prefettura, a Bari, si è svolta la cerimonia di consegna dei diplomi delle onorificenze al "Merito della Repubblica Italiana", concessi con decreto del Presidente della Repubblica a dodici appartenenti all'Arma dei Carabinieri.

L’onorificenza è stata consegnata dalla prefetta Antonia Bellomo; dal comandante regionale dei Carabinieri, il generale di brigata Stefano Spagnol; dal comandante provinciale dei Carabinieri, il colonnello  Francesco de Marchis e da Antonio Decaro in qualità di sindaco della Città Metropolitana di Bari. Presenti i Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti.

Tra gli insigniti di Terlizzi: il Cavaliere Dott. Giuseppe Rutigliani, Tenente Colonnello dell'Arma dei Carabinieri; il Cavaliere dott. Vito De Lucia, Maresciallo Maggiore dell'Arma dei Carabinieri e l’Ufficiale Mauro de Candia, Maresciallo dell’Arma dei Carabinieri.

"È sempre un onore e un privilegio rendere omaggio al lavoro delle donne e degli uomini dell’Arma. Ancora più emozionante quando l’onorificenza la consegni nelle mani di tre militari della tua stessa Città come è successo questa sera, nel Salone degli Specchi della Prefettura di Bari, dove si è svolta la cerimonia di consegna dei diplomi delle onorificenze al "Merito della Repubblica Italiana", concessi con Decreto del Presidente della Repubblica a dodici appartenenti all'Arma dei Carabinieri", ha commentato il sindaco di Terlizzi, Ninni Gemmato.

Lascia il tuo commento
commenti