Comminato anche il diniego di iscrizione nella "white list"

Concreto pericolo di infiltrazione mafiosa: interdittiva antimafia per un autodemolitore terlizzese

Il provvedimento dei Carabinieri del Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Bari è scattato nei confronti di un 37 enne di Terlizzi, socio unico e amministratore dell'impresa

Cronaca
Terlizzi sabato 09 ottobre 2021
di La Redazione
carabinieri
carabinieri © TerlizziLive

I Carabinieri del Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a due interdittive antimafia a due aziende del barese, tra cui una con sede a Terlizzi.

In particolare, è stata eseguita una interdittiva antimafia e il diniego di iscrizione nella "white list", ai sensi dell’art. 84 comma 4, 89 bis e 91 comma 6 del D.Lgs n. 159/2011, emessa dalla Prefettura di Bari, nei confronti di un 37 enne di Terlizzi, socio unico e amministratore di una azienda che esercita l’attività di autodemolizione e di recupero e preparazione al riciclaggio di rifiuti solidi urbani.

A Valenzano, invece, i Carabinieri hanno dato esecuzione a un’informazione antimafia interdittiva, ai sensi dell’art. 91 e 100 del D.Lgs n. 159/2011, emessa dalla Prefettura di Bari, nei confronti di un 59 enne di Valenzano, titolare firmatario di un’impresa individuale, con sede a Valenzano, che esercita l’attività di impresa edile.

Entrambi i provvedimenti scaturiscono da una serie di risultanze informative che fanno ritenere sussistente il concreto e attuale pericolo di infiltrazione mafiosa nei confronti delle società, sulla base di accertati collegamenti con soggetti appartenenti o ritenuti contigui ad ambienti della criminalità organizzata.

Lascia il tuo commento
commenti