Nel pomeriggio

Lite per un barbecue troppo rumoroso, ucciso un terlizzese nella periferia milanese

Francesco Spadone, 34 anni, è stato sparato all'addome da un condomino di 72 anni, Rocco Sallicandro

Cronaca
Terlizzi mercoledì 01 settembre 2021
di La Redazione
Lite per un barbecue troppo rumoroso, ucciso un terlizzese nella periferia milanese
Lite per un barbecue troppo rumoroso, ucciso un terlizzese nella periferia milanese © n. c.

Ucciso per una lite condominiale nella periferia di Milano. E' la tragica sorte occorsa a un terlizzese di 34 anni, Francesco Spadone. 

L'uomo, con numerosi precedenti di polizia, è stato ucciso al culmine di un litigio con un condomino nel cortile interno di un condominio di Via Ovada, nel quartiere Barona a sud di Milano. Allertati dalle telefonate dei soccorritori, i sanitari del 118 sono arrivati rapidamente sul posto ma non hanno trovato Spadone, portato in ospedale in auto dagli amici, bensì il suo aggressore, Rocco Sallicandro, 72 anni, originario di Carife (Avellino) è stato ferito, anch'egli ferito per i colpi ricevuti dai compagni di Spadone in seguito all'esplosione dei colpi di arma da fuoco. 

All'origine della lite ci sarebbe un barbecue troppo "rumoroso" che il nostro concittadino aveva organizzato nel cortile del palazzo. Trasportato nel vicino ospedale San Paolo in condizioni gravissime per le numerose ferite da arma da fuoco infertegli con una pistola calibro 9 per 21 all'addome, è morto pochi minuti dopo essere entrato in sala operatoria per una delicatissima operazione chirurgica. 

La dinamica della colluttazione è stata ricostruita solo dopo alcune ore e molte reticenze dagli inquirenti. La grigliata sarebbe andata avanti per ore. Sallicandro sarebbe stato infastidito dai rumori provenienti dal cortile e, dopo un violento alterco, ha esploso due colpi in aria con le sue due pistole (regolarmente denunciate) a scopo intimidatorio. Il gruppo di amici tuttavia non si è lasciato intimidire e lo ha affrontato. A quel punto, il 72enne ha puntato la canna all'addome di Spadone, facendo fuoco più volte. 

Immediatamente resisi conto delle condizioni disperate del terlizzese, i compagni lo hanno trasportato in ospedale. Sallicandro, stordito e ferito a causa della veemente reazione, è rimasto in cortile seduto per terra ad aspettare i soccorsi. Giunti pochi minuti dopo, i carabinieri, coordinati dal pubblico ministero di turno Gianluca Prisco, hanno effettuato le rilevazioni del caso. L'anziano è in stato di arresto per tentato omicidio. 

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giovanna De Nicolo ha scritto il 02 settembre 2021 alle 09:43 :

    È stato sparato?davvero? Rispondi a Giovanna De Nicolo

  • Santo Delpianodisotto ha scritto il 02 settembre 2021 alle 06:49 :

    Non so se sia questo il caso ma il fatto è che i regolamenti condominiali non vengono rispettati e gli amministratori hanno le mani legate. Io abito in un appartamento di proprietà e sopra di me ci sono degli incivili che fanno letteralmente quello che vogliono in qualsiasi momento del giorno e della notte sbattendosene dei regolamenti. Andrei su con un canne mozze? Si, certo! Rispondi a Santo Delpianodisotto

    credo nelle cose giuste ha scritto il 03 settembre 2021 alle 14:20 :

    L' amministratore deve fattivamente far applicare il vs. regolamento, deve indire ordinaria assemblea, poi .............. non so se lo sai, puoi adire per vie legali, anche collegialmente con gli altri Condomini. nessuna violenza . il canne mozze non giustifica l' ira e il tuo dissenso Rispondi a credo nelle cose giuste

    Franco ha scritto il 02 settembre 2021 alle 22:28 :

    Quindi andresti neutralizzato con cure adatte deduco costituendo pericolo per gli altri oltre che per te stesso, dato che potrebbe non andarti come vorresti. Rispondi a Franco

    Santo Delpianodisotto ha scritto il 06 settembre 2021 alle 05:35 :

    Certamente amico sapiente. Rispondi a Santo Delpianodisotto

  • Franco ha scritto il 01 settembre 2021 alle 21:25 :

    Che brutta storia, non meriterebbe neppure di essere raccontata. Rispondi a Franco