Il fatto

Coronavirus, crollo dei contagi a Capodanno: solo 344 su duemila tamponi

Il consueto bollettino regionale sull'andamento del contagio

Cronaca
Terlizzi sabato 02 gennaio 2021
di La Redazione
Coronavirus
Coronavirus © n.c.
Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi sabato 2 gennaio 2021 in Puglia, sono stati registrati 2021 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 344 casi positivi: 114 in provincia di Bari, 44 in provincia di Brindisi, 14 nella provincia BAT, 139 in provincia di Foggia, 10 in provincia di Lecce, 21 in provincia di Taranto, 3 residenti fuori regione. 1 caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito.

Sono stati registrati 10 decessi: 3 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 5 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.053.380 test.

36.400 sono i pazienti guariti.

53.812 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 92.703, così suddivisi:

35.805 nella Provincia di Bari;

10.607 nella Provincia di Bat;

6.700 nella Provincia di Brindisi;

20.480 nella Provincia di Foggia;

7.180 nella Provincia di Lecce;

11.308 nella Provincia di Taranto;

524  attribuiti a residenti fuori regione;

99  provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.


 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mirko Cagnetta ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 23:50 :

    1º perché non parlate MAI del non rispetto delle regole della zona rossa a terlizzi? 2º possibile che dopo tanti mesi non abbiate ancora capito che non conta il numero dei contagi ma quanti contagi su quanti tamponi? 344 positivi (dato del 2 gennaio) su 2021 tamponi sono il 17%. Vi sembra una percentuale bassa? Ma quale crollo dei contagi? Semmai pochi tamponi effettuati a capodanno. Svegliatevi i numeri si stanno rialzando in tutta italia. Rispondi a Mirko Cagnetta

  • Mirko cagnetta ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 18:26 :

    oggi 2 gennaio. su internet si leggono un po' ovunque di feste di fine anno fatte un po' dovunque in tutta italia. questo fa il paio degli assembramenti davanti ai bar per gli aperitivi in barba ad ogni decreto legge e ordinanza. per non parlare di quello che si è visto prima di natale in ogni parte d'italia. anche qui a terlizzi si sono viste persone passeggiare in centro senza nessun motivo se non per il gusto di uscire di casa, sempre fregandosene di leggi e decreti vari. e pensare che fino a poco fa c'era ancora qualcuno che faceva inviti e forti raccomandazioni..... che tristezza!! Rispondi a Mirko cagnetta

  • Mirko cagnetta ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 18:20 :

    Un comportamento che non è solo "trasgressivo" verso quanto stabilito dallo Stato, ma è anche e soprattutto pericoloso per chi lo mette in essere e per gli altri che sono congiunti con queste persone. Molti, moltissimi giovani non hanno compreso la gravità di quanto sta accadendo ancora oggi, dopo oltre 9 mesi di sofferenze. Ed il virus continua a circolare spesso in ambito familiare (conosciamo tante storie di questo tipo in tutte le città del nostro network), a volte mietendo vittime anche tra le persone non in avanti con l'età. È ora di prenderne coscienza, nessuno è al riparo dal morbo fin quando non vi sarà una vaccinazione a tappeto. Non sono consentiti più rilassamenti come quelli visti l'estate scorsa. Una terza ondata sarebbe terribile da affrontare. Rispondi a Mirko cagnetta

  • Mirko cagnetta ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 18:20 :

    Primo dell'anno con diverse trasgressioni e pochi controlli a Terlizzi. Nella mattinata di ieri, infatti, abbiamo immortalato gruppi di giovani in pieno centro, in piazza Cavour (situazione diffusa anche in altre zone), che non rispettavano il distanziamento di almeno un metro, ma soprattutto non indossavano correttamente le mascherine, calate sotto il mento. La premessa d'obbligo in questi casi è che trattandosi del 1° gennaio e di una bella giornata, qualcuno abbia voluto fare due passi, ma la collocazione dell'intera nazione in zona rossa non consente questo se non per necessità, motivi sanitari o lavorativi. E ieri chi si intratteneva in quella zona, nella tarda mattinata, era lì contro ogni regola imposta dal Decreto Legge. Rispondi a Mirko cagnetta

  • Franco ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 18:16 :

    Volevano dimostrare che il lockdown natalizio ha funzionato. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 02 gennaio 2021 alle 18:15 :

    Ma scusate non sono crollati in percentuale i contagi, hanno fatto solo meno tamponi. Rispondi a Franco