L'iniziativa

Legambiente adotta contrada La Padula: l'area sarà bonificata e valorizzata

​Il Comune e il circolo cittadino di Legambiente hanno stipulato l'atto di concessione

Attualità
Terlizzi giovedì 13 agosto 2020
di La Redazione
legambiente
legambiente © n.c.

Il Comune e il circolo cittadino di Legambiente stipulano l'atto di concessione di contrada La Padula: l’area sarà rinaturalizzata e consegnata presto alla città.

La zona deve la sua denominazione, come noto, ai caratteri paludosi dell’area, caratteristica che consentiva lo sviluppo di particolari specie vegetative e avifaunistiche che col tempo sono in gran parte venute meno per via delle alterazioni che l’uomo e l’incuria hanno causato, tanto che oggi l’area si presenta in stato di totale abbandono e degrado, oggetto di deposito illecito di rifiuti di varia natura. La Padula, afferma il circolo "Amici di Vito e Clara", "ricopre poi un importante ruolo per l’agricoltura della zona essendovi antiche cisterne interrate, tutt’oggi utilizzate dagli agricoltori, che non meritano di essere dimenticate!".

Al fine di valorizzare tale area dal punto di vista paesaggistico e naturalistico, Legambiente a novembre scorso ha formalizzato la volontà di adottare le aree comunali adiacenti alle strade vicinali Specchione e Padule, proponendo all'amministrazione comunale un progetto che mira a ripristinare l’equilibrio ecologico della Padula, attraverso l’esecuzione di interventi agronomici funzionali.

A febbraio 2020 è arrivata la delibera di Giunta Comunale e il 30 luglio scorso la sottoscrizione dell’atto con cui il Comune di Terlizzi ha concesso a Legambiente Terlizzi l’uso gratuito delle aree comunali, consentendo gli interventi di rinaturalizzazione proposti.

Il progetto è in linea con gli indirizzi di tutela dettati dalla pianificazione urbanistica vigente per quell’area (Zona E2), ricompresa tra le aree annesse al suolo tratturale del Tratturello n. 94 (Via Appia Traiana), e prevede la bonifica dell’area da rifiuti e piante infestanti, la messa a dimora di piante fiorite perenni e di alberature tipiche della macchia mediterranea, e la creazione di un’area relax con installazioni ecosostenibili e la piantumazione di erbe profumate, sottraendo così l’area al degrado.

“Siamo felici che la nostra proposta per la città sia stata ritenuta meritevole di accoglimento da parte del Sindaco e della Giunta tutta. Terlizzi verrà così dotata, a costo zero per la collettività, di una interessante oasi naturalistica e di pace, un luogo di relax, lettura e immersione nella natura lontano dal caos cittadino, specie per gli amanti della mobilità lenta e sostenibile, considerando anche la sua prossimità alla Via Traiana percorsa ogni anno da centinaia di viandanti", commenta Michelangelo Guastamacchia, presidente del circolo terlizzese di Legambiente. “Non meno importante è il piccolo ma apprezzabile contributo contro le alterazioni climatiche: gli alberi e le piante che saranno messe a dimora consentiranno, infatti, un sequestro di CO2 dall’atmosfera stimabile in circa 1,5-2 tonnellate l’anno", prosegue. "A nome dell’associazione desidero, infine, ringraziare in particolare il dirigente del Settore II Felice Piscitelli, l’assessore all’urbanistica Laura Chiapparino e l’azienda Floralia S.a.s nostro partner nell’attuazione dell’intervento. L’auspicio è che tali sinergie con le realtà del Terzo Settore siano più frequenti, ne beneficia la collettività!”, conclude Guastamacchia.

Lascia il tuo commento
commenti