Raduno venerdì alle 16 e 50

Puliamo Terlizzi, terzo intervento nelle campagne di Via Giovinazzo prima della pausa estiva

Dopo l'azione di pulizia è previsto un momento di ristoro, ospite il Collettivo R8 all’interno dell’Orto Urbano “Terrapeutico” in Viale dei Giardini

Attualità
Terlizzi giovedì 30 luglio 2020
di La Redazione
puliamo terlizzi
puliamo terlizzi © puliamo terlizzi

L’intervento di pulizia numero duecentotrenta di Puliamo Terlizzi prosegue nelle campagne di Via Giovinazzo per completare il lavoro iniziato nelle scorse settimane sulla "strada per il mare".

I volontari venerdì, domani, opereranno nel terzo tratto terlizzese della provinciale, le cui campagne sono invase tutto l’anno, specie in alcuni punti, da centinaia di sacchetti di spazzatura.

"Venerdì 31 luglio, ultimo giorno del mese e ultima operazione prima della pausa agostana che l’Associazione, come da tradizione, rispetta ogni anno - si legge in una nota -. Come accade sempre più spesso ai partecipanti spetterà un gustoso premio tipico della tradizione gastronomica terlizzese che capitando di venerdì non potevano che essere pizzarelli farciti e bevande. Le attività commerciali benefattrici stavolta sono il Panificio Bontà Nostrane, Supermercati Antonelli e Macelleria D’Aniello".

L'operazione sarà agevolata dal contributo dei volontari dell'Anps, che garantiranno la sicurezza dei volontari di Pt in un tratto stradale che può presentare pericoli a causa del considerevole traffico automobilistico.

L’appuntamento con l'ennesima azione di Puliamo Terlizzi è alle 16 e 50 presso la sede di Corso Dante, 26, mentre alle 20 è previsto un momento di ristoro, ospite il Collettivo R8 all’interno dell’Orto Urbano “Terrapeutico” in Viale dei Giardini.

"L’aspetto conviviale non deve però far dimenticare la drammaticità della situazione ambientale su molte aree extraurbane, arginate in queste sette anni dalle mani laboriose di decine di cittadini volontari - riflette Puliamo Terlizzi -. L’Associazione nei mesi scorsi ha anche avanzato molte proposte per prevenire il fenomeno alla fonte. Di fronte al deterioramento delle coscienze civiche, agli abbandoni e alla combustione dei rifiuti, occorrono risposte forti e strutturali".

Lascia il tuo commento
commenti