Il commento del consigliere comunale

Raffica di multe per infrazione della ztl durante il lockdown. De Chirico: «Quantità anomala»

Molti sono i cittadini terlizzesi che in questi giorni stanno protestando per l'ondata di multe elevate dalla polizia municipale tra il 30 marzo e il 30 aprile

Attualità
Terlizzi domenica 21 giugno 2020
di La Redazione
ztl
ztl © puliamo terlizzi

Piovono notifiche di infrazione della zona a traffico limitato. Molti sono i cittadini terlizzesi che in questi giorni stanno protestando per l'ondata di multe spiccate dalla polizia municipale in questi ultimi giorni.

Anche se il sistema di rilevazione è automatico e regolato da banner e sensori, il principale motivo di scetticismo è il periodo in cui sono state elevate le contravvenzioni, compreso il più delle volte tra il 30 marzo e il 30 aprile, ossia in pieno lockdown, un lasso di tempo in cui il traffico automobilistico era assai ridotto, per ovvie ragioni.

“Mi pervengono sollecitazioni ad approfondire la notizia secondo cui starebbero arrivando a parecchi cittadini notifiche di infrazione per ingresso in ztl tra il 30 marzo e il 30 aprile in orari di varco inattivo, in periodo di pieno lockdown - scrive il consigliere comunale del Partito Democratico Michelangelo De Chirico, che si è fatto portavoce dei cittadini multati -. Personalmente, proprio all’inizio del lockdown, chiesi all’amministrazione comunale di sospendere la validità della ztl, sia per controllare meglio le auto in transito (da parte delle forze dell’ordine) sia per consentire alle attività commerciali presenti nel centro storico di poter essere facilmente raggiunte dai clienti, giusto il tempo di acquistare prodotti alimentari, carne, frutta. Dopo un primo giorno di sperimentazione, mi fu risposto che l’apertura della ztl sembrava incoraggiare i cittadini ad uscire di casa. Dopo un solo giorno”.

Anche i gruppi social locali sono subissati da segnalazioni di cittadini arrabbiati e straniti per la frequenza delle multe. Molti hanno già pagato, ma chiedono comunque lumi su un evento che è ritenuto dai più anomalo.


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • gioacchino tricarico ha scritto il 21 giugno 2020 alle 16:34 :

    c volen ll solt... annuceit ll'solt ... vuleim ll'solt... nan tneit ll'solt? faceim u'ferm ammenestrateiv d la vetteur. pttand, ammeneit ll'solt. Rispondi a gioacchino tricarico

  • Franco ha scritto il 21 giugno 2020 alle 10:07 :

    I Comuni non hanno potuto fare cassa con le multe nel lockdown, ora dimenticarsi, in fretta. Rispondi a Franco