25 aprile

Città Civile: «Ricordiamo Paolo Rutigliano, terza vittima terlizzese della guerra partigiana»

Il movimento politico dà notizia di un aviere della Regia Aeronautica che aderì alla Resistenza ma nel dicembre del 1944 fu arrestato dai repubblichini e fucilato presso Anzio

Attualità
Terlizzi sabato 25 aprile 2020
di La Redazione
Città Civile: «Ricordiamo Paolo Rutigliano, terza vittima terlizzese della guerra partigiana»
Città Civile: «Ricordiamo Paolo Rutigliano, terza vittima terlizzese della guerra partigiana» © n. c.

Città Civile ricorda, nel giorno della Liberazione, anche un'altra vittima terlizzese della guerra di Resistenza.

Si tratta di Paolo Rutigliano, un aviere della Regia Aeronautica che aderì alla Resistenza durante la seconda guerra mondiale, ma nel dicembre del 1944 fu arrestato dai repubblichini e fucilato presso Anzio.

"Ne abbiamo avuto notizia grazie all'importante lavoro di ricerca condotto da Giacomo Massimiliano Desiante", si legge in un comunicato del movimento civico, che ringrazia lo studioso "per averci donato un elemento di novità".

N𝘢𝘵𝘰 a Terlizzi nel 1923, Rutigliano era un meccanico tornitore "𝘤𝘩𝘪𝘢𝘮𝘢𝘵𝘰 𝘢𝘭𝘭𝘦 𝘢𝘳𝘮𝘪 𝘱𝘦𝘳 𝘪𝘭 𝘤𝘰𝘯𝘧𝘭𝘪𝘵𝘵𝘰 𝘦̀ 𝘪𝘯𝘲𝘶𝘢𝘥𝘳𝘢𝘵𝘰 𝘯𝘦𝘭 𝘤𝘰𝘳𝘱𝘰 𝘥𝘦𝘪 𝘱𝘢𝘳𝘢𝘤𝘢𝘥𝘶𝘵𝘪𝘴𝘵𝘪 𝘤𝘰𝘯𝘴𝘦𝘨𝘶𝘦𝘯𝘥𝘰 𝘪𝘭 𝘨𝘳𝘢𝘥𝘰 𝘥𝘪 𝘴𝘦𝘳𝘨𝘦𝘯𝘵𝘦".

Di stanza a Roma nei giorni dell'Armistizio, decise di diventare da subito nella Resistenza, nel Fronte Clandestino della Regia Aeronautica. "𝘐𝘭 12 𝘮𝘢𝘨𝘨𝘪𝘰 1944 𝘦̀ 𝘢𝘳𝘳𝘦𝘴𝘵𝘢𝘵𝘰 𝘥𝘢𝘪 𝘳𝘦𝘱𝘶𝘣𝘣𝘭𝘪𝘤𝘩𝘪𝘯𝘪, 𝘤𝘰𝘯𝘥𝘰𝘵𝘵𝘰 𝘯𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘦𝘥𝘦 𝘥𝘪 𝘗𝘪𝘢𝘻𝘻𝘢 𝘊𝘰𝘭𝘰𝘯𝘯𝘢 𝘱𝘦𝘳𝘤𝘰𝘴𝘴𝘰 𝘦 𝘴𝘦𝘷𝘪𝘻𝘪𝘢𝘵𝘰 (𝘦̀ 𝘢𝘤𝘤𝘦𝘤𝘢𝘵𝘰 𝘢𝘥 𝘶𝘯 𝘰𝘤𝘤𝘩𝘪𝘰)", informa la nota di Cc. "𝘓𝘢 𝘴𝘦𝘳𝘢 𝘦̀ 𝘴𝘰𝘵𝘵𝘰𝘱𝘰𝘴𝘵𝘰 𝘢𝘥 𝘶𝘯 𝘯𝘶𝘰𝘷𝘰 𝘪𝘯𝘵𝘦𝘳𝘳𝘰𝘨𝘢𝘵𝘰𝘳𝘪𝘰 𝘮𝘢 𝘯𝘰𝘯𝘰𝘴𝘵𝘢𝘯𝘵𝘦 𝘭𝘦 𝘶𝘭𝘵𝘦𝘳𝘪𝘰𝘳𝘪 𝘴𝘦𝘷𝘪𝘻𝘪𝘦 𝘯𝘶𝘭𝘭𝘢 𝘳𝘪𝘷𝘦𝘭𝘢 𝘥𝘪 𝘲𝘶𝘢𝘯𝘵𝘰 𝘴𝘢, 𝘤𝘰𝘴𝘪̀ 𝘷𝘦𝘳𝘴𝘰 𝘭𝘦 23 𝘦̀ 𝘤𝘰𝘯𝘥𝘰𝘵𝘵𝘰 𝘴𝘶𝘭𝘭𝘢 𝘴𝘵𝘳𝘢𝘥𝘢 𝘱𝘳𝘪𝘯𝘤𝘪𝘱𝘢𝘭𝘦 𝘥𝘪 𝘈𝘯𝘻𝘪𝘰, 𝘨𝘪𝘶𝘯𝘵𝘰 𝘢𝘥 𝘶𝘯 𝘣𝘪𝘷𝘪𝘰 𝘦̀ 𝘧𝘶𝘤𝘪𝘭𝘢𝘵𝘰".

Rutigliano è la terza vittima accertata del giogo nazifascista, assieme al professor Gesmundo e a Don Pietro Pappagallo.

Lascia il tuo commento
commenti