Dal 22 agosto

Il Mat ospita la quinta edizione del Chiù Festival. Il programma

Tra il 22 e il 25 agosto il laboratorio urbano si trasformerà in un vero e proprio contenitore d’arte tra mostre, presentazioni, concerti e spettacoli

Attualità
Terlizzi martedì 13 agosto 2019
di Michele Colaleo
chiù
chiù © n. c.

“Se il mondo fosse chiaro, l’arte non esisterebbe”, affermava Camus, esponente di punta dell’esistenzialismo francese. E se l’arte serve a darci gli strumenti anche soltanto per intuire chi siamo e dove stiamo andando, allora ben vengano iniziative come il Chiù Festival, un vero e proprio concentrato di forme espressive che esplorano in modo più o meno diretto il mondo dell’illustrazione.

La rassegna, giunta ormai alla sua quinta edizione e divenuta negli anni un punto di riferimento per tutti gli appassionati delle contaminazioni artistiche riguardanti l’illustrazione, si terrà ancora una volta negli spazi del Mat laboratorio urbano a partire dal 22 agosto.
Per quattro giorni, la location scelta dai soggetti organizzatori (Collettivo Zebù, Mammachilegge, Kaufman Scritture Creative e BGeek) ospiterà un numero notevole di appuntamenti di pregevole valore artistico: presentazioni, drawing show, incontri con gli artisti, proiezioni, concerti e spettacoli teatrali.
Parallelamente a queste attività, coloro che decideranno di acquistare il biglietto per il festival potranno visitare le quattro mostre permanenti allestite all’interno del laboratorio urbano, che presenteranno proposte di illustratori originali ed eterogenee.
La prima mostra sarà quella di Testi Manifesti, un progetto che prende le mosse dall’importanza del manifesto come strumento di comunicazione di massa (per il potere o per la ribellione) per dare spazio alla personalizzazione dello stesso attraverso citazioni, testi e frasi di personaggi più o meno noti.
La seconda mostra vedrà come protagonista la coppia creativa Bomboland, nota per aver realizzato illustrazioni di carta che hanno fatto il giro del mondo, grazie alla collaborazione con brand del calibro di Nokia, Toyota, Unicef o con magazine come The Washington Post, The Guardian, Il Sole 24 Ore, Wired, L’Espresso.
La terza mostra sarà quella di Irene Penazzi, che presenterà il suo albo d’esordio “Nel mio giardino il mondo”, con tavole piene di dettagli sul luogo che ha costituito una parte importante della sua infanzia.
La quarta ed ultima mostra permanente sarà quella di Cheap, un progetto di street art indipendente che promuove il concetto di rigenerazione urbana attraverso interventi di public art a base di carta su luoghi pubblici fatiscenti o abbandonati.
La quinta edizione del Chiù Festival sarà inoltre contraddistinta dall’offerta di diversi workshop, che si terranno ogni giorno dalle 10 alle 18 (con un’ora di pausa pranzo). La partecipazione ad uno o più di questi corsi non è selettiva e prevede l’acquisto di un ticket separato, da prenotare inviando una mail a chiufestival@gmail.com con il proprio nome e recapito telefonico.
Va poi segnalata la presenza di altri workshop di breve durata, in programma ogni giorno dalle 18 alle 20 e destinati ai più piccoli, che potranno così sperimentare il primo approccio con il disegno, le forme e la composizione di un libro illustrato. Anche in questo caso, l’iscrizione non è compresa nel costo del ticket standard e va effettuata inviando una mail sempre all’indirizzo chiufestival@gmail.com.
Per tutti coloro che non fossero interessati all’esperienza di uno dei corsi programmati, il ticket avrà un costo standard giornaliero o sarà acquistabile in abbonamento sia in prevendita su Do It Yourself Ticket che direttamente al botteghino.
Di seguito il programma completo della prima giornata (22 agosto, start ore 20):
- Talk: Irene Penazzi, “Nel mio giardino il mondo”;
- Mostra giornaliera pugliese: Patrizia Mastrapasqua aka Mastereaster;
- presentazione delle mostre permanenti con Irene Penazzi e Cheap Street Poster Art;
- opening: Grecale;
- live drawing: Alessandro Lanfrancotti;
- live: Machweo;
- live drawing: Patrizia Mastrapasqua aka Mastereaster;
area market e bookshop

Lascia il tuo commento
commenti