Il progetto

Atelier di maschere carnevalesche al Polo Liceale

Nel laboratorio creativo pratico tenutosi nell'istituto scolastico gli studenti hanno confezionato maschere carnevalesche secondo il metodo Bruno Munari

Attualità
Terlizzi venerdì 08 marzo 2019
di Francesca Balsano
Atelier di maschere carnevalesche al Polo Liceale
Atelier di maschere carnevalesche al Polo Liceale © polo liceale

Si è svolto presso il Polo Liceale “Licei Sylos-Fiore” di Terlizzi il laboratorio creativo pratico finalizzato alla realizzazione di maschere carnevalesche secondo il metodo Bruno Munari.

L’atelier carnevalesco, volto a promuovere e accrescere le capacità creative e manipolative degli alunni attraverso itinerari storici relativi alle origini delle maschere, è stato realizzato dal dipartimento di sostegno e diretto dalla professoressa Nicla De Nicolo, referente del progetto.

Durante l’attività laboratoriale gli alunni si sono cimentati con pennelli e tempere nella tecnica della cartapesta in un clima di gioiosa e partecipata condivisione.

Per gli alunni coinvolti è stata l’occasione per vivere un percorso di “crescita” in senso globale, con il coinvolgimento di tutte le loro dimensioni cognitive ed emotive, attraverso l’utilizzo di una didattica laboratoriale, imperniata sul “fare per capire”, sulla “produzione” e non limitata alla semplice “fruizione” di materiali e sussidi.

Le idee non vengono proposte dal docente ma nascono dalla sperimentazione ed i ragazzi possono esprimersi liberamente, secondo il principio didattico del "Non dire cosa fare ma come", "Aiutami a fare da me".

L’attivazione del laboratorio di maschere carnevalesche si inserisce in un percorso più ampio del dipartimento di sostegno del Polo Liceale che prevede anche attività pratico creative legate alla stagionalità, il progetto annuale di inclusione “School Radio” e il tutoraggio; tutto ciò con l’intento di favorire negli alunni forme espressivo-comunicative integrative del linguaggio verbale e di promuovere l’instaurarsi di relazioni corrette e positive attraverso attività di tipo operativo-manuale.

Lascia il tuo commento
commenti