L'iniziativa

La storia della scuola di Via Millico spiegata agli alunni della San Giovanni Bosco

Il Centro Studi Michele Gargano collaborerà con l'istituto scolastico primario ad un progetto di approfondimento sulla sede di Via Millico, opera dell'illustre architetto terlizzese

Attualità
Terlizzi lunedì 25 febbraio 2019
di Gianpaolo Altamura
il cortile della don bosco
il cortile della don bosco © scuola don bosco

Il Centro Studi Michele Gargano collaborerà con l'istituto scolastico primario San Giovanni Bosco ad un progetto di approfondimento sulla storia della sede di Via Millico, opera dell'illustre architetto terlizzese.

"Il 21 febbraio 1959 veniva posata la prima pietra delll’Istituto Scolastico San Giovanni Bosco su progetto dell’architetto Michele Gargano", si legge in una nota. "Esattamente sessant’anni dopo, il Centro Studi Architetto Michele Gargano ha presentato al corpo Docenti della suddetta istituzione scolastica, la proposta di una serie di iniziative tese a favorire una corretta conoscenza del manufatto architettonico, della sua concezione progettuale e della sua storia".

"Dirigente e docenti hanno favorevolmente accolto la proposta - si afferma nel comunicato -, auspicando una creativa collaborazione tra Centro Studi e fruitori finali dell’opera architettonica, ovvero i bambini che vivono quotidianamente gli spazi che l’esimio concittadino aveva progettato come luoghi favorevoli a formare – ieri e oggi – cittadini che imparassero a leggere (la realtà) e contare (nella realtà)".

"In fieri quindi un’iniziativa che si prospetta come momento di conoscenza di un luogo identitario di Terlizzi e, allo stesso tempo, in termini più generali, di riflessione su quanto l’architettura possa determinare il cambiamento", conclude il Centro Studi Michele Gargano.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • gioacchino tricarico ha scritto il 25 febbraio 2019 alle 11:37 :

    sempre nella speranza che rimanga qualche pezzo della scuola, prima che i vandali se la frechino tuttatutta... Rispondi a gioacchino tricarico