Dalle musiche del Mediterraneo alla Pastorella terlizzese

In occasione della “Festa dell’amicizia e degli auguri” a Sovereto, felice ed originale connubio tra i “Cantori di S. Ignazio” e il gruppo “Omphalos”.

Attualità
Terlizzi martedì 09 gennaio 2007
di Nicolò Marino Ceci
Un momento del concerto.
Un momento del concerto. © Terlizzilive.it

Nella serata del 6 Gennaio, nell’antico Borgo di Sovereto si è tenuta la “Festa dell’amicizia e degli auguri” che ha visto, oltre all’esibizione del gruppo di musica popolare “Ta’ ‘zin”, per la prima volta un curioso e ben risuscito connubio musicale tra il gruppo di musica popolare “Omphalos” (www.omphalosmusic.com), con un repertorio che attraversa diverse tradizioni musicali partendo dalla Grecia e dal Medio Oriente per approdare al Sud Italia, fino a giungere in Messico e nei quartieri di Buenos Aires e la Corale “Cantori di S. Ignazio” nata nel ‘95 per onorare la tradizione del canto liturgico a Terlizzi, trasmettendo alle future generazioni il prezioso e cospicuo patrimonio culturale e spirituale della tradizione polifonica terlizzese, in un concerto tenutosi nel Santuario della Madonna di Sovereto. Ecco allora alcune domande a Giuseppe Volpe, direttore artistico dell’iniziativa e fisarmonica e voce degli Omphalos.

“Cantori di S. Ignazio” e “Omphalos”: ‘accoppiata’ riuscita e originale. Com’è nato questo progetto?
Tutto è nato quasi per gioco, in seguito ad un’idea folle, far suonare insieme cioè i Cantori e gli Omphalos. Un abbinamento piuttosto e puramente casuale.

Qual è il risultato di questo inedito abbinamento?
C’è stato un fertile incontro tra tradizione ed innovazione. Cantori e Omphalos: 2 generazioni a confronto per creare una cosa senz’altro innovativa. La sintesi di 2 mondi completamente diversi, di 2 generazioni molto lontane tra loro in un concerto.

Tradizione e innovazione?
Certo: abbiamo conciliato queste 2 componenti senza però stravolgere nulla, in continuità con la tradizione. Ecco quindi il nome della manifestazione: “dalle musiche del Mediterraneo [repertorio degli Omphalos] alla Pastorella terlizzese”[repertorio dei Cantori di S. Ignazio]; si parte cioè dal patrimonio musicale del Mediterraneo per giungere poi a Terlizzi ed alla sua Pastorella.

Quanti canti avete eseguito insieme?
“Gli angeli delle campagne”, “la santa allegrezza” e la “pastorella terlizzese”.

Qual è stato il ruolo svolto dalla Pastorella terlizzese nella vostra esibizione?
E’ stato il fulcro, il cuore del concerto: la Pastorella infatti è un canto tipico terlizzese, religioso e popolare, che si cantava già dal ‘600, alla conclusione delle Novene.

Qual è allora la novità?
Con la nostra interpretazione abbiamo innanzitutto accompagnato le canzoni dei Cantori con strumenti tipici della tradizione popolare come ciaramella, chitarra, mandolino, violino, flauti e fisarmonica, e abbiamo così quindi restituito alla Pastorella il suo carattere più squisitamente passionale, popolare e profano.

Non è stata questa una facile collaborazione, vero?
Si: in entrambi i gruppi inizialmente c’era meraviglia e stupore che però in seguito si sono trasformati in grande entusiasmo ed emozione. Sono queste esperienze molto rare!

Dunque com’è andato il concerto?
E’ stato un successone: l’ardore della gente era vibrante e incontenibile. Quando poi abbiamo suonato la pastorella, è piaciuta così tanto che ne abbiamo eseguito un bis. Grande gioia dei terlizzesi, dal bambino all’anziano 90enne.

Omphalos e Cantori di S. Ignazio hanno in cantiere progetti di future collaborazioni?
Certo: è un cammino che sicuramente continueremo insieme ma non anticipo nulla: dico solo che ci sarà una grossa sorpresa a breve e lungo termine. Vogliamo inoltre registrare, per la prima volta, la “Pastorella Terlizzese.”

Si potrebbe parlare addirittura di una futura fusione dei 2 gruppi, visto il successo finora riscosso?
Credo che un’eventuale fusione oltre ad appiattire almeno in parte le nostre specifiche diversità di patrimonio e di repertorio, comunque esaurirebbe tutto l’entusiasmo di un singolo incontro tra gruppi diversi. E’ proprio la diversità infatti la fonte di ricchezza e di entusiasmo.

Cosa pensi del notevole, sentito e sempreverde attaccamento da parte della gente alla musica popolare, dalla persona di mezza età alle più giovani generazioni?
Questa è la dimostrazione tangibile del fatto che la gente sente ancora nel cuore la musica popolare: a Sovereto quella sera infatti c’era gente che veniva anche da fuori, da paesi come Molfetta, Ruvo, Corato e Bisceglie. Però la musica popolare va sempre innovata, senza essere stravolta: dunque, come dicevo prima, far incontrare tradizione ed innovazione, sempre alla ricerca di nuove soluzioni e collaborazioni, cercando un giusto equilibrio tra le due componenti e non riadattando canzoni già pensate ed eseguite da altri (questa è peraltro la filosofia degli “Omphalos”). Né troppa innovazione, né troppa tradizione.

Lascia il tuo commento
commenti