Tanti gli artisti che si esibiranno

A Terlizzi un grande concerto per la giustizia e la pace

Sabato in Piazza Cavour

Attualità
Terlizzi giovedì 12 maggio 2022
di La Redazione
Musica
Musica © Pexels

“Frutto della Giustizia sarà la Pace” è il nome della iniziativa che si terrà sabato 14 marzo Maggio in Piazza Cavour in cui sarà dato spazio a musica e letture. 

Tra gli artisti emergenti e non che hanno aderito ci sono tanti terlizzesi: Elisa Bonomo, Carlotta Carusillo, Valeria Di Gioia, Mariarita D'Onofrio, Laura Lamarca, Vanessa 
Nichilo, Paola Piccarreta, Raffaella Soldano, Classe di Canto M° Marilia Papaleo. Marco Albanese, Giulio Bufo, Alessia Cagnetta, Claudio De Leo, Emanuele De Lucia, Nicolò Marziale, Giacomo de Nicolo, Giuseppe Sforza, Domenico Troiano, Giuseppe Volpe.

Gli artisti interpreteranno i grandi classici sul tema della pace come Generale di De Gregori, Imagine di Lennon, La guerra di Piero di De Andrè, Russians di Sting, Amara terra mia di Modugno, C’era un ragazzo di Morandi e tante altre….

Presenta Pierluigi Auricchio mentre l'organizzazione è a cura della Parrocchia S. Gioacchino di Terlizzi. 

Queste le parole di Don Michele Stragapede:
“Dopo aver deriso chi ha sempre asserito che dalla guerra e dalle armi non nasce nulla di veramente umano, sembra che ci si sia rassegnati alla guerra, perpetuando quella espressione usata da Hobbes: l’uomo è lupo per l’altro uomo! Anzi, siamo alle ipotesi di spartizione del bottino, quasi un passaggio dallo stato di natura a quello di civiltà. 
Dovremmo derubricare quel mantra liberale ripetuto senza vera consapevolezza: la mia libertà finisce dove inizia la libertà dell’altro. Niente di più falso! La mia libertà inizia dove inizia la libertà dell’altro. 
Anzi, se di possesso voglia parlare, il nostro cuore si apre alla sacralità dell’amore dell’altro e ne vuole possedere solo la libertà d’amore dell’altro! Il futuro può essere costruito solo insieme. 
C’è urgenza di una nuova cultura, una nuova mentalità. La mentalità della CURA! D. Lorenzo Milani avrebbe richiamato quanto lui aveva scritto sulla porta della scuola di Barbina: “I care”!
Si tratta di far fiorire la pace come risultato di diritti garantiti a tutti in un contesto rigenerato della nostra madre terra. C’è bisogno di vera economia. Forse bisognerà fare un passo indietro per lasciare spazi 
di vita a chi ha subito il nostro sviluppo!?
Ecco allora questa desiderata mobilitazione musicale: un CONCERTO: Frutto della Giustizia Sarà la Pace, in piazza Cavour a Terlizzi, che mobilita le energie più belle. Sabato 14 maggio. 
La musica appartiene alle categorie trascendentali dell’essere! È un elemento di dialogo; supera ogni confine o divisione e parla al cuore; coinvolge tutta la persona e la predispone all’incontro e alla bellezza. È cultura da promuovere. Si può fare solo insieme!”

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • M. Grazia ha scritto il 14 maggio 2022 alle 09:56 :

    C'era un ragazzo ra-ta-ta-ta, ritornano i favolosi anni '60. Rispondi a M. Grazia

  • Marco ha scritto il 13 maggio 2022 alle 08:37 :

    Quando sento parlare di "madre terra" mi vengono in mente gli idoli pagani. E detto in una parrocchia non è usuale. Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 12 maggio 2022 alle 17:58 :

    All'elenco manca "Sono solo canzonette" di Edoardo Bennato. Rispondi a Maria P.

  • Annalisa L. ha scritto il 12 maggio 2022 alle 12:51 :

    È la solita vecchia retorica '68esca per la quale dalla musica può arrivare l'invito a un futuro insieme. Rispondi a Annalisa L.