Secondo decreto legge del 29 dicembre 2021. Le regole della quarantena precisate con circolare del 30 dicembre 2021

Nuove misure anti-Covid: Green pass rafforzato e quarantene

Dal 10 gennaio 2022 e fino alla cessazione dello stato di emergenza, il Green Pass rafforzato è necessario in alberghi nonché in altri luoghi e durante eventi

Attualità
Terlizzi martedì 04 gennaio 2022
di La Redazione
Una ragazza indossa una maschera Ffp2
Una ragazza indossa una maschera Ffp2 © Unsplash License

Con un decreto-legge del 29 dicembre 2021 il Governo emana nuove misure di contenimento dell'epidemia: in particolare è esteso l'uso del Green pass rafforzato e vi sono nuove regole per la quarantena, precisate dalla circolare del Ministero della salute del 30 dicembre 2021.

Green Pass rafforzato. Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza (31 marzo 2022, ndr), il Green Pass rafforzato è necessario per alberghi e strutture ricettive; feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose; sagre e fiere; centri congressi; servizi di ristorazione all’aperto; impianti di risalita con finalità turistico-commerciale, anche in comprensori sciistici; piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto; centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto; mezzi di trasporto, compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Quarantene per contatto stretto con un caso positivo. Dal 31 dicembre 2021, si osservano le seguenti regole: 1. nessuna quarantena ma autosorveglianza per le persone che hanno ricevuto il richiamo (terza dose o booster); hanno ricevuto la dose di completamento del ciclo vaccinale primario da meno di 4 mesi (120 giorni); sono guarite da infezione da SARS-CoV-2 da meno di 4 mesi (120 giorni). Per 10 giorni queste persone hanno obbligo di indossare la mascherina di tipo Ffp2. Alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatiche, al quinto giorno dal contatto, devono effettuare un test antigenico rapido o molecolare anche in centri privati. In tal caso occorre inviare l'esito all'Asl anche in modalità elettronica. 2. Quarantena di 5 giorni con tampone al termine del periodo per le persone che hanno ricevuto la dose di completamento del ciclo vaccinale primario da oltre 4 mesi (più di 120 giorni); sono guarite da infezione da SARS-CoV-2 da oltre 4 mesi (più di 120 giorni). 3. Quarantena di 10 giorni con tampone al termine del periodo o di 14 giorni senza tampone per le persone che non sono vaccinate.

Contatto a basso rischio. Le persone che hanno avuto un contatto a basso rischio (per esempio, per meno di 15 minuti) con un caso positivo non sono tenute alla quarantena se al momento del contatto indossavano la mascherina chirurgica o Ffp2.

Isolamento per le persone contagiate. Le persone che contraggono infezione e che hanno ricevuto la dose di richiamo o hanno completato il ciclo vaccinale primario da meno di 4 mesi (120 giorni) sono tenute a un'isolamento di 7 giorni con tampone antigenico o molecolare al termine del periodo. Le persone che non hanno completato il ciclo o non sono vaccinate sono tenute a un'isolamento di 10 giorni con tampone al termine del periodo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Graziano ha scritto il 06 gennaio 2022 alle 18:07 :

    Hanno perso il controllo della situazione e non sanno più con chi prendersela, ovviamente si rivolgono a novax come capo espiatorio dei loro fallimenti. Rispondi a Graziano

  • Franco ha scritto il 05 gennaio 2022 alle 12:55 :

    Che ci capisce qualcosa in queste regole e nelle loro motivazioni è davvero un genio. Per tutti gli altri è solo caos. Rispondi a Franco