La novità

Monitoraggio Covid nelle scuole, avviati test salivari per bambini tra 6 e 12 anni

È partita lunedì mattina dall’istituto comprensivo Massari Galilei a Bari la campagna di screening regionale

Attualità
Terlizzi mercoledì 22 settembre 2021
di La Redazione
Monitoraggio Covid scuole, test salivari
Monitoraggio Covid scuole, test salivari © Regione Puglia

È partita lunedì mattina dall’istituto comprensivo Massari Galilei a Bari la campagna di screening regionale per monitorare attraverso test salivari la circolazione del virus nei bambini di età compresa fra i 6 e i 12 anni. In concomitanza con l’avvio del calendario scolastico regionale e con la ripresa delle attività didattiche in presenza, in tutta la regione sono state individuate scuole primarie e secondarie “sentinella”, dove effettuare ogni quindici giorni i prelievi dei campioni salivari, nell’ambito del piano di monitoraggio della diffusione di Sars-Cov 2 nella popolazione studentesca non coperta dalla vaccinazione. In Puglia saranno complessivamente 2.282 i test da eseguire ogni due settimane nelle primarie e 1.531 nelle secondarie di primo grado.

«Massimo impegno da parte di tutta la sanità pugliese per far ripartire le scuole in sicurezza. Accanto alla massiccia campagna vaccinale siamo partiti con i test salivari nelle scuole sentinella. Questi test sono uno strumento utile a monitorare la circolazione del virus tra bambini e adolescenti tornati a seguire le lezioni in presenza - spiega l’assessore alla Sanità, Pier Luigi Lopalco - già nella prima giornata di avvio abbiamo riscontrato grande adesione e collaborazione sia da parte delle famiglie che degli uffici scolastici provinciali, consapevoli che la campagna di screening aiuta a testare la situazione contagi nelle classi e quindi a proteggere i bambini di età inferiore ai 12 anni che non possono in questo momento ricevere il vaccino».

Lo screening è un’attività contestuale alla campagna vaccinale dedicata agli studenti con chiamata “scuola per scuola” che in Puglia ha dato risultati ottimi. Ad oggi infatti la copertura con prima dose della fascia di età 12-19 anni è salita al 71, 23% (la media nazionale è al 63,94%) e con seconda dose il 55,92%, mentre la percentuale nazionale si attesta al 50,33%. Ogni Asl - tramite gli uffici di Servizi Igiene e Sanità Pubblica e con il supporto degli uffici scolastici provinciali - ha individuato le scuole sentinella dove effettuare i test, tenendo conto della rappresentatività geografica, del potenziale di adesione e della fattibilità logistica, ad esempio, nelle operazioni di trasporto dei campioni verso i laboratori di analisi pubblici individuati a livello provinciale. A Bari iI nucleo operativo Covid scuole del Dipartimento di prevenzione ha selezionato uno degli otto istituti sentinella dove ieri sono stati effettuati i primi cento prelievi. Allo screening hanno aderito gli alunni delle quinte classi della scuola primaria e gli alunni delle prime classi della secondaria di primo grado. Ad eseguire i test, due infermieri del Team di Operatori Sanitari Scolastici Covid 19 (Toss Covid 19), impegnati nelle procedure di tracciamento e contenimento della pandemia negli istituti scolastici.

«Questa campagna di screening ci permetterà di monitorare la diffusione del virus in una fascia di età che non può essere coperta con la vaccinazione - spiega Sara De Nitto, referente Covid scuole della Asl di Bari - si tratta di test molecolari molto semplici da effettuare, non invasivi, senza alcuna difficoltà per i bambini che oggi hanno risposto bene e con entusiasmo. Abbiamo iniziato con la prima delle otto scuole sentinella, quattro a Bari e altre distribuite nella provincia - prosegue De Nitto - e parallelamente sono in corso in tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado le procedure di sorveglianza sanitaria». La campagna dei test salivari proseguirà sempre a Bari in altri tre istituiti, e successivamente in altre quattro scuole sentinella di Acquaviva delle Fonti, Bitonto, Rutigliano e Altamura, per un totale di almeno 716 test da effettuare ogni due settimane nelle scuole primarie e 474 nelle scuole secondarie di primo grado. I campioni saranno processati dal laboratorio Covid di Ospedale Di Venere. I test sono stati così distribuiti tra scuole primarie e secondarie di primo grado in Puglia: nella Bat 238 e 163, a Brindisi 217 e 143, a Foggia 353 e 251, a Lecce 423 e 280, a Taranto 334 e 220. Tutti i 13 laboratori della rete pubblica Covid sono attrezzati per processare i campioni salivari ed avviarli all’eventuale sequenziamento genomico virale.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 22 settembre 2021 alle 19:01 :

    Dunque i bambini continuano a essere ingiustamente descritti come potenziali untori e per sostenere questa idea si fanno migliaia tamponi a scuola. Fino ad ottenere una prova. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 22 settembre 2021 alle 08:10 :

    Ma se i bambini non si ammalano se non in forma lieve perché tutto questo rumore sui contagi? Ora vogliono vaccinare anche i bambini di 5 anni! Rispondi a Franco

    Maria P. ha scritto il 22 settembre 2021 alle 14:19 :

    Infatti la sig. De Nitto parla di "fascia di età che non può essere coperta con la vaccinazione", almeno per ora. Poi quando con i test salivari dimostreranno che qualche bambino magari asintomatico ha il virus potranno finalmente dar ragione a Pfizer e vaccinare, come richiesto dalla multinazionale farmaceutica, anche i bambini di 5 anni. Rispondi a Maria P.