La segnalazione

Legambiente: «Abbattuto un pino pluridecennale nella scuola Rodari. Il Comune vari un regolamento»

L'albero, con tronco del diametro di circa 40 cm e altezza di circa 15 metri, sarebbe stato abbattuto - secondo quanto riporta il circolo terlizzese "Amici di Vito e Clara" - dal personale addetto alla manutenzione del verde

Attualità
Terlizzi mercoledì 07 aprile 2021
di La Redazione
Legambiente: «Abbattuto un pino pluridecennale nella scuola Rodari. Il Comune vari un regolamento»
Legambiente: «Abbattuto un pino pluridecennale nella scuola Rodari. Il Comune vari un regolamento» © n. c.

Legambiente segnala il recente e indebito abbattimento, all'interno della struttura scolastica “Gianni Rodari” in Via Campo Sportivo, di un pino pluridecennale. 

La notizia è stata trasmessa con una istanza formale all'amministrazione comunale. L'albero, con tronco del diametro di circa 40 cm e altezza di circa 15 metri, sarebbe stato abbattuto - secondo quanto riporta il circolo terlizzese "Amici di Vito e Clara" - dal personale addetto alla manutenzione del verde cittadino il 30 marzo scorso. "Su tale albero, inoltre, era presente un nido di gazze; capita spesso, infatti, che uccelli nidifichino sugli alberi della città", aggiunge l'associazione ambientalista, che chiede adesso conto al Comune di Terlizzi sul motivo dell'abbattimento e sull'effettiva verifica, da parte di chi di dovere, della "possibilità di eseguire interventi differenti, non drastici ma conservativi" sulla pianta, magari sulla base di "una perizia agronomica che abbia accertato la problematica" Legambiente domanda ancora se in futuro "sono previsti ulteriori interventi di abbattimento di alberi in città e, in caso affermativo, quali sono gli alberi interessati e per quali motivazioni" e "se è prevista la sostituzione dell’albero abbattuto e di eventuali ulteriori alberi abbattuti e/o da abbattere, con un numero almeno pari di idonee essenze arboree, ed in quali siti ne è prevista la piantumazione".

"Tali drastici interventi sono conseguenza della mancanza di una attenta e organica pianificazione della manutenzione del verde cittadino, spesso frutto di improvvisazione e di rincorsa alle emergenze", accusa Legambiente, che ribadisce in conclusione "l'assoluta necessità che il Comune si doti di un Regolamento che disciplini la manutenzione e l’utilizzo del verde pubblico e privato al fine di disciplinare le operazioni agronomiche sul verde cittadino e la fruizione degli spazi verdi". 

Lascia il tuo commento
commenti