Palazzo di Città

Tari, Gemmato: «Aiutateci a consentirci un’ulteriore diminuzione nel 2017»

Le considerazione del primo cittadino dopo il consiglio di venerdì

Politica
Terlizzi lunedì 02 maggio 2016
di La Redazione
Ninni Gemmato
Ninni Gemmato © n.c.

«Andando in controtendenza rispetto a diversi altri comuni, siamo riusciti a contenere i costi del servizio in maniera tale da diminuire del 5.7% la tassa rifiuti per il 2016. L’altra buona notizia è che la raccolta differenziata a Terlizzi è già a livelli molto alti. Nei prossimi giorni sarà mia cura comunicarvi sia il dato degli ultimi giorni che il dato mensile medio del mese di aprile. Le due circostanze sono connesse tra loro, perché solo i buoni dati di raccolta differenziata ci hanno permesso di programmare con relativo ottimismo il costo del servizio e la conseguente diminuzione della tassa».

È il commento di Ninni Gemmato dopo il Consiglio comunale che lo scorso 29 aprile ha approvato il regolamento Iuc e, con esso, le tariffe tributarie.

«Ringrazio tutti i cittadini, credo la quasi totalità, che differenziando bene i rifiuti, hanno consentito questo primo grosso risultato: è tutto merito vostro! Grazie a tutti voi» ha scritto il primo cittadino sul proprio profilo Facebook.

«Oggi - sostiene - bisogna lavorare per il futuro, allo scopo di poter programmare ulteriori minori costi nel 2017 e permetterci conseguentemente un’ulteriore, e più consistente, diminuzione della tassa rifiuti. Ciò si può ottenere aumentando ancor di più la percentuale di raccolta differenziata».

Gemmato si appella ai terlizzesi, invitando a differenziare i rifiuti in casa e nelle attività commerciali: «Dobbiamo, tutti insieme, ridurre al minimo la produzione di rifiuti indifferenziati, questi ultimi causa di costi esorbitanti».

E, per chiarire i dubbi sull modalità di conferimento, il sindaco annuncia nuovi incontri pubblici e iniziative per rendere più efficaci i controlli.

«Continueremo, nel prossimo anno scolastico - aggiunge -, l’attività di educazione ambientale nelle scuole. Sono sempre più convinto che, su tali argomenti, siano i bambini ad educare i genitori, piuttosto che il contrario. Ribadisco il mio appello: chiedo a tutti il massimo sforzo nel differenziare correttamente i rifiuti e ridurre al minimo la frazione indifferenziata, il cosiddetto residuo secco. Solo così potremo consentirci, per il 2017, un’ulteriore consistente diminuzione della tassa rifiuti».

Lascia il tuo commento
commenti