Caos nel servizio

I rifiuti rimangono per strada, l’opposizione: «Superficialità e arroganza dell’Amministrazione»

«Un’assoluta incapacità di comprendere la rilevanza delle conseguenze di una sua firma dal punto di vista sanitario, dell’ordine pubblico, di tutela dei lavoratori ed economico».

Cronaca
Terlizzi mercoledì 02 gennaio 2013
di La Redazione
Rifiuti accatastati
Rifiuti accatastati © n.c.

Terlizzi si è svegliata il primo giorno del 2013 con i rifiuti non raccolti. Segno che il servizio di igiene urbana, inizialmente affidato all'Asipu di Corato con una ordinanza, non è ancora partito. Si attendono altri segnali da Palazzo di Città. Intanto, le forze politiche di opposizione hanno inviato un comunicato sulla vicenda che pubblichiamo di seguito.

IL SINDACO GEMMATO SOMMERGE DI RIFIUTI TERLIZZI
Con un’ordinanza da lui definita STORICA, firmata il 28 dicembre, lo STATISTA Gemmato ha affidato il servizio di raccolta rifiuti all’ASIPU (la municipalizzata di Corato) a partire dal primo Gennaio, ma glielo comunica solo 48 ore prima di prendere in carico il servizio e ne ottiene un secco rifiuto.

Dal primo dell’anno, quindi, Terlizzi non ha più nessuno che toglie i rifiuti dalle strade perché la TRADECO nel frattempo ha licenziato tutto il personale ed ha impugnato la STORICA ordinanza innanzi al TAR.

La SUPERFICIALITÀ E L’ARROGANZA con la quale Gemmato e la sua squinternata coalizione di governo ha trattato un tema così delicato, manifesta un’assoluta incapacità di comprendere la rilevanza delle conseguenze di una sua firma dal punto di vista sanitario, dell’ordine pubblico, di tutela dei lavoratori ed economico (perché il servizio di smaltimento dei rifiuti pesa per oltre 4 milioni di euro sul bilancio comunale).

EPPURE L’OPPOSIZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE AVEVA EVIDENZIATO AL SINDACO L’INCONSISTENZA E PERICOLOSITA’ DEL SUO PROVVEDIMENTO CHE RISULTAVA PRIVO DELLA DOCUMENTAZIONE ESSENZIALE PER METTERLO AL RIPARO DA QUANTO STA AVVENENDO.

La superficialità e l’arroganza di Gemmato, se non fosse tragica, rasenterebbe il ridicolo quando, dopo il diniego motivato dall’ASIPU, revoca la sua ordinanza del 28 e ORDINA il 31 sera alla TRADECO di riprendere immediatamente il servizio fino al 6 di gennaio.
Ma la TRADECO aveva già licenziato il personale e non riprenderà il servizio prima del pronunciamento del TAR Puglia, che quasi sicuramente vedrà il Comune di Terlizzi condannato a pagare le spese di tutta questa squallida vicenda.
A noi non rimane che chiedere LE IMMEDIATE DIMISSIONI DI UN SINDACO PERICOLOSO E NOCIVO per la città.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Nicolò Vallarelli ha scritto il 03 gennaio 2013 alle 17:57 :

    Sig. G.ppe di Bari, post. 13, neanche se mi mettono a testa in giù voto destra e company. Tranquillo, stia tranquillo...le sue sono solo maldicenze! Pensate alle vostre di macerie. Otto mesi di dissesto amministrativo! Rispondi a Nicolò Vallarelli

  • G.ppe di bari ha scritto il 03 gennaio 2013 alle 14:39 :

    sig. Nicolò Vallarelli le ricordo che un suo parente è stato candidato a queste elezioni proprio con gemmato. poi leggendo questi commenti mi fate soltanto ridere siete bravi a commentare, offendere, criticare questa amministrazione, perche non avete fatto cio’ con la vecchia? Non siete in grado neanche di mettere i nomi veri qui sul blog. invece di criticare siate piu costruttivi, perche c’è bisogno di questo per rimettere su le macerie che abbiamo ereditato dalla vecchia amministrazione. Rispondi a G.ppe di bari

  • mingo mingo ha scritto il 03 gennaio 2013 alle 08:06 :

    Destra o Sinistra non fa differenza.............non paghiamo la tassa sui rifiuti, le chiavi della città non si danno a certa gente Rispondi a mingo mingo

  • Nicolò Vallarelli ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 22:32 :

    Pierri 93, immagino che (93) sia l’anno di nascita, perciò hai poco meno di vent’anni. A vent’anni c’è voglia di rinnovare il mondo, di costruirsi uno spazio per sentirsi parte del mondo. Lo sdegno è un movimento dell’animo, è una offesa alla propria sensibilità. Ti assicuro che questa sensibilità è rara nei nostri pseudo politici. Buona vita! Rispondi a Nicolò Vallarelli

  • Nicolò Vallarelli ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 20:53 :

    Oh! GIANPIERO DEL RE, con "soloni" fa rima omissis. Come mai sei arrivato a tanto? Queste sono rime...baciate...Si aprano gli occhi. Sei un grande Gianpiero. Cordialità. Rispondi a Nicolò Vallarelli

  • GIANPIERO DEL RE ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 16:20 :

    MA L’ATTUALE AMMINISTRAZIONE NON HA UNA SERIE INFINITA DI SOLONI COME MAI E’ ARRIVATA A TANTO ? QUESTE SONO LE PROMESSE ... SI APRANO GLI OCCHI. Rispondi a GIANPIERO DEL RE

  • Pierri 93 ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 14:09 :

    Provo sdegno per questa situazione! Spero che l’amministrazione Gemmato prenda subito provvedimenti altrimenti credo ke sia meglio lasciare il governo della città all’opposizione...Vergogna! Rispondi a Pierri 93

  • Francesco Pagano ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 10:32 :

    Buttarla in caciara no, xkè venire sommersi dai rifiuti è cosa molto seria sotto tanti punti di vista: dell’igiene e salute dei cittadini; della salvaguardia del territorio ke va lasciato alle generazioni avvenire migliorato e bonificato; delle tasche dei contribuenti ke stanno rastrellando gli ultimi spiccioli x pagare le cartelle appena recapitate nei giorni scorsi; della presentabilità e del decoro della Città; dei rifiuti non + come problema bensì risorsa x le tante Comunità comunali della nostra Italia; e potrei continuare ancora x molto. In fine, ma non x ultimo, degli addetti al "Servizio raccolta" e le loro famiglie ke dal 1° gennaio si trovano senza lavoro e senza risorse economiche. Tutto questo è tragico prima che buffo. Ma noi vogliamo buttarla in facezie x scongiurare ke la gente prenda i forconi: "qual’è il colmo x un Sindaco farmacista? Attentare alla salute dei Cittadini" ! Con raccapriccio. Rispondi a Francesco Pagano

  • gio gio ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 08:56 :

    Dunque: avete perso milioni di euro per la realizzazione del sottopasso in viale dei lilium, l’appalo per la raccolta dei rifiuti urbani è andato in fumo nonostante si sia voluto privilegiare una società extraurbana, anzichè preservare la forza-lavoro di terlizzi su terlizzi...complimenti!!! Rispondi a gio gio

  • Francesco Paolo Barile ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 08:51 :

    Nicolò Vallarelli, ricambio gli auguri. Li faccio anche al molestatore mascherato (Luigi detto Gino) che non ha ancora avuto gli attributi per contattarmi in privato. Fu invece lesto a contrastare delle lecite perplessità che avevamo manifestato su questo portale in sintonia con le dichiarazioni di alcuni consiglieri dell’opposizione. Stamane sono profondamente triste perchè voglio un gran bene a questa città ed ai già gravi problemi ambientali che l’attanagliano si aggiunge questa emergenza generata dall’incompetenza e dall’improvvisazione. Rispondi a Francesco Paolo Barile

  • Francesco Paolo Barile ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 08:40 :

    I fatti hanno presto dato ragione alle perplessità che qualche servo dell’amministrazione si era affrettato a spegnere. Siamo lo zimbello della provincia e forse anche di più! Condivido la scelta di togliere alla Tradeco il servizio di raccolta ma ribadisco che occorreva fare le cose per bene. Ora provare a riaffidare alla Tradeco la raccolta dopo il "rifiuto" dell’Asipu mi sembra veramente un modus operandi da dilettanti, estremamente ridicolo!!! Per non parlare dei danni ambientali ed igienici. Mai così in basso! Rispondi a Francesco Paolo Barile

  • Nicolò Vallarelli ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 07:59 :

    Il giorno 1 Gennaio 2013 sin dal mattino personalmente, da libero cittadino, ho espresso la vicinanza alle famiglie dei lavoratori ex TRADECO, ex AVVENIRE, stando con loro in tutte le audizioni con il Sig. Sindaco. L’invito è che tutti i cittadini si dirigano in piazza per capire cosa sta realmente accadendo nel nostro paese. Non è lo sciopero dei lavoratori ex TRADECO, ex AVVENIRE, è la malagestione di una Amministrazione che nel giro di 72 ore produce due ordinanze sindacali una più scandalosa dell’altra. Dio salvi "cavallo e cavaliere"! Rispondi a Nicolò Vallarelli

  • nicolò vallarelli ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 07:43 :

    Terlizzi 2 Gennaio 2013: per strada Napoli the throwback! Sì il decadimento... i rifiuti per strada questa mattina non saranno raccolti. Buon anno dott. Gemmato, buon anno a tutti i sostenitori di questi lungimiranti ecologisti. Auguri "nuovi ecologisti"! Rispondi a nicolò vallarelli

  • Nicolò Vallarelli ha scritto il 02 gennaio 2013 alle 07:37 :

    Francesco Paolo Barile, auguri di buon anno. Auguri a tutti i lettori, senza distinzione di sorta. Auguri alla redazione di Terlizzilive. Terlizzi 1 Gennaio 2013, è scoppiata la bagarre! L’affidamento del servizio non è partito, ai lavoratori delle aziende interessate sono state recapitate le lettere di licenziamento. In quattro e quattro otto pare che sia stata revocata l’ordinanza n. 12 del 28/12/2012 e redatta una nuova del 31/12/2012 che riporta la situazione allo status quo ante. Il giorno 1 Gennaio 2013, nell’assumere servizio, i lavoratori hanno trovato sbarrate le porte dell’azienda. Bravo dott. Gemmato, lei e la sua compagine! Occorre l’intervento del Prefetto per disciplinare la questio. Tra l’altro si tratta di sicurezza e igiene del territorio, attentando alla salute dei cittadini. I cassonetti stracolmi e le strade indecenti. Buon 2013! Rispondi a Nicolò Vallarelli