Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

ci abbia fabbia, ci nan'abbia nan fabbia e se la gratte


Mazze e panèlle, fàscene le figghje bèlle, pane sènz' à mazze, fàscene le figgje pazze.


Bastone e pane fanno i figli buoni, pane senza bastone fanno i figli cattivi.

ce cambe de speranze, desperete more


chi vive di speranze, muore disperato: bisogna saper passare all'azione

ce frabbeche e sfrabbeche, nan perde mé timbe


chi si industria sempre in mille attività non perde tempo, ma e buon lavoratore

ce frega freg, ce nan frega reste freghéte


il disonesto si porta sempre in tasca qualcosa, l'onesto di solito ci rimette

ce nan vole feje u mégghie, fesce u mégghie e u mégghiere


ce pegghie préime, nan peghe uardiatèure


ce préime s'alze, prèime se calze


ce scase e 'nchese, nan perde me timbe


tenendosi impegnati nel lavoro, si guadagna tempo e fatica

Ce lasse la via vecchie pe’ la nove, sepe cé lasse ma nan sape cé trove


chi lascia la svecchia strada per una nuova, cioè fa un cambiamento repentino nella propria vita, non sa a che cosa può andare incontro

ce se cocche cu le uagnèun, s'alze c'u chèule cachète


ce nasce tonne, nan more quadrate


è difficile cambiare il carattere di una persona

ce sciocche da séule, nan perde meje


chi gioca da solo non perde mai - nella vita vince solo chi osa

ce semene vinde, raccogghie tembeste


chi fa del male se lo vede tornare indietro moltiplicato, e viceversa chi fa il bene riceve altro bene

ce tene assé terreise sembre conte, ce tene megghìera giovene sembre cande


i ricchi sono felici per i soldi, i poveri si beano dell’amore

la figghia meupe, la mamme l’anténde


una mamma capisce il proprio figlio qualunque cosa accada

nan venne la lane senza tenaje angore re péchere


medita sempre prima di affare quel che è la scelta giusta

a lavé la chepe o ciucce se perde timbe, aque e sapone


difficilmente si può modificare gli atteggiamenti degli altri, specie se radicati

a mureje e a paghé sté sembe timbe


si tende sempre a rimandare le cose sgradevoli da fare

aria nette nan tene pagheure de tronere


la persona per bene non teme niente e nessuno

attacche u ciuccie a do vole u’ patreun


per vivere bene sul posto di lavoro, bisogna sempre esere d’accordo con il proprio padrone!!

ce sape lesce, lesce a’ lla drette e all’ammerse


chi è capace di fare qualcosa, trova tutte le soluzioni per arrivare all’obbiettivo

a cicere a cicere, si’enghie la pegnete


un passo alla volta si può giungere alla meta desiderata

appirse ‘o Sande, o se porte la croce o se cande


gli impegni presi o si fanno con piacere o è meglio non prenderli

ci ja povere, ja ngegniéuse


il bisogno, dovuto alla povertà, aguzza l’ingegno

ci aspiette u piatt de l’alte, mange sembe fredde


se si vuole raggiungere una meta, non bisogna cullarsi e affidarsi agli altri ma darsi da fare

ce parle semene, e ce ste citte accoglie


chi parla semina, ma chi ascolta raccoglie!

ce jà povere de denare, jà ricche de core


chi non vive della ricchezza dei soldi, è più ricco di cuore

ce racconce, mette sembre la scinde


chi tramanda oralmente un episodio, ci aggiunge sempre dei dettagli personali

la lengue nan tene ossére, ma rombe re d’ossere


la lingua può ferire a volte molto più di tante armi

a la squagghiete de la naive se vedene le strunze


chi copre un malaffare, sappia che prima o poi verrà scoperto

l’amore jà come na nucedde:ce la rumbe nan te la pute mangé


in amore bisogna essere delicati e rispettosi, altrimenti si rovina tutto

prummette certe e vene mene secheure


chi insiste molto sulla promessa fatta, di solito non la mantiene

ce u’ diavue asseje t’accarezze, vole l’anime


chi esagera con le lusinghe, chiede in cambio qualcosa di grosso – nessuno fa niente per niente

carna treste nan la vole Creste


le persone poco raccomandabili non sono gradite nemmeno al Cristo

ce troppe vole, nudde strenge


bisogna imparare ad accontentarsi, perché a volere troppo, non si ottiene nulla

guvérnè l’umene jà l’arta cchiù deffécel


è più difficile avere a che fare con gli uomini che fare qualunque altro mestiere

totte re nòtere vénene o péttene


quel che non si fa, non si sa… e viceversa

vine e vinette, bbelle e pérfette, trase da la vocche ed esce da l’uccellette


il vino buono fa venire voglia di bere di più… e non solo!

na femmene e na papere arresbegghiene Napue


le oche e le donne a volte gridano a tal punto da svegliare un’intera città

spugghié a Creste e viste la Madonne


togli e metti, alla fine gli averi rimangono sempre delle stesse famiglie

ce se scheuse, s'accheuse


chi si scusa, di solito è colui che ha la colpa

ce stè alla speranze d'alte, desperéte more


non bisogna attendere che gli altri risolvano i nostri problemi, ma rimboccarsi le maniche e agire

ce tene lengue, ve a Rome


chi è buon oratore, se la cava in tutte le situazioni

ce tene mange, ce nan tene mange do volte


ce tene nese, tene crianze


ce uaste e aggioste nan perde me timbe


chi si industria in mille cose, non perde mai tempo

ce vè c'u zuppe, s'embère a zuppeché


chi va con lo zoppo, impara a zoppicare: i difetti degli altri sono facili da assimilare

Ciccie disce a Cole, e Cole disce a Ciccie


fare lo scaricabarile, non prendersi le responsabilità

citte citte, 'mmezze alla chiazze


le cose che si presume debbano rimanere segrete, alla fine le conoscono tutti

le solde d'u avere, se le mange u sciambagnùle


mette u musck 'a la rote


nu pèile de femene teire nu bastèmende a mere


il volere delle donne a volte è così forte da fare grandi cambiamenti

pecchète dette mizze perdunète


un peccato è più perdonabile se viene confessato almeno per metà

teire cchjeue nu pile de fèmene ca na pareglie de vuve


il volere di una donna è più potente di una pariglia di buoi

te na dà mangiè de pene tuste!


per ottenere un risultato, bisogna saper molto soffrire

a chiange stu murte so' lacreme perdeute, mamete jà puttane e attande jà cherneute


…di difficile interpretazione, ma di intuitiva traduzione!

appizziche u manifeste ca t'agghia lesce


parla e renditi manifesto nelle tue intenzioni perché io possa capirti

a' pirse cinze e capetele


si dice di chi ha perduto tutto, sia il denaro che la posizione sociale

a' puste re marghereite 'nnanze o purche


mettere le margherite davanti ai porci, come dire sprecare qualcosa di prezioso

ciuccie si scjeute e cchiù ciuccie si veneute


asino eri e ancor più qasino sei rimasto

ce assè s'abbasce, mostre u' cheule


chi è troppo riverente e s'inchina ai voleri altrui, rischia di perdere la faccia

ce jacchiè nu ameiche, jacchiè nu tesore


chi trova un amico, trova un tesoro

sc-kute in 'arie, ca 'm'bacce te vene


non bisogna sparlare degli altri, perché poi il male fatto torna indietro

ce tanda tande e ce nudde detrùnghe


a chi troppo e a chi nulla

a còre le puzze de cambé


si dice di persona ardientosa, che esagera in quanto a coraggio, sprezzante della morte

ce tarde arreive, male alloggie


chi tardi arriva, male alloggia

ce tene la cumedetè e nan'ze ne serve, jà nu fesse


chi ha comodità da venedere e non se ne serve, è di certo uno stupido

chiacchiere e tabbacchere de legne, u Banghe de Napue nan'z'embegne


sulle chiacchiere seminate al vento, non si costruiscono certezze

ad accarezzè u' meule, jè sole stambete


chi perde tempo dietro a imalaffari, si trova pure bastonato

ce cange penzire ogne mumende, nan conclude niende


chi cambia troppo spesso opinione, alla fine non conclude nulla

ce de sunne s'abbotte, de fame se fotte


dedicato ai dormiglioni, che a volte per dormire rischiano di non mangiare

ce vù gabbé u veceine, alzete subbete la matèine


se vuoi primeggiare rispetto agli altri, devi ingegnarti e saperli anticipare

vè sembe cu chire megghje de teiche, e falle r spese


accompagnati sempre con gente dalla quale puoi sempre imparare qualcosa

ammore de villeggiateure, pècche deure


attenzione agli amori estivi, perché durano poco

ce troppe fateiche, ind'o sacche s'àcchie


chi molto lavora, si trova il guadagno tutto ben conservato

ce tene timbe, nan aspette timbe


chi ha tempo, non aspetti tempo - le occasioni si colgono al volo

anema tende, cuscienza lese


l'anima colpevole, spesso si nasconde dietro una coscienza pulita

ce la fesce grosse, divende priore


chi sa rischiare nelle imprese della vita, ottiene risultati grandi

ce la vole cotte e ce la vole creute


nella vita non si è mai contenti di quel che si ha

ce nasce afflitte, scunzulete more


chi male inizia, non si aspetti buone cose

ce nan parle, disce seine


chi tace acconsente

ce nascie quadre, nan pote mureje tonne


il carattere della gente è cosa difficile da cambiare

ce nasce jà belle, ce s'enzeure jà bune, e ce more jà sande


chi nasce è bello, chi si sposa è bravo, chi muore diventa santo (vox populi, vox dei)

ce nan tene denere, jève sembe turte


chi non has denaro, ha sempre torto

nan uardè rete, c'azzuppe u mosse


non guardare alle tue spalle, ma di fronte a te, altrimenti vai a sbattere

ce ste sotte, resce a la botte


chi è in subordine, è condannato a subire sempre

ce nan tene rascione, de cchieu loque


chi è nel torto, grida di più per tirar acqua al suo mulino

la megghiere de l'alte jà sembe megghie


la moglie delgi altri è sempre la migliore

maccareune e carduncidde, allegre cafungidde


maccherono e funghi cardoncelli, rendono il cafoncello contento (si dice…)

marite e fegghie, come Dje te le manne


i parenti non si scelgono, ma te li manda Iddio

s'a date la zappe sope a le pite su stesse


si dice di persona che si è tradita da sola

si scieute pe d'aveje, e si rumese da dè


invece di aver ragione, adesso sei nel torto

sì proprie com a na mazze de scope


si dice di persona buona a nulla

sand'Anne pruvvede e manne: nu terne o mese e nu marite o uànne


sant'Anna provvede a mandarti un terno al mese e unmarito all'anno

u busciarde av'à tenà na bona memorie


per non tradirsi, un buon bugiardo ha bisogno di buona memoria

u desegne d'u povere nan'arriesce


i progetti dei poveri non si realizzano mai

abbasce u titue, e alze la peghe


si dice a persone a cui si preferisce obbedire perché da loro si viene rispettati, e non per il titolo che hanno

a do mangene deue, potene mangè puere trè


dove si mangia in due, si mangia anche in tre

ce mostre gode e ce uarde sc-kiatte


chi mostra gode, chi guarda crepa

la megghie medeceine so' re polpette de cuceine e re mire de cambagne


la cura migliore ai malesseri è il cibo di casa e il vino di campagna

mane a mane, u rutte porte u sane


la gente,anche se diversa, deve saper convivere

nan ze sc-keute ind'o piatte a do sì mangete


non si sputa nel piatto dove si è mangiato

pure Sand'Andonie s'ennamureje du purche


l'amore è cieco, non guarda la bellezza

purte cu tteiche e mange cu mmeiche


tu porti il cibo e noi lo mangiamo: egoismo culinario

còre jà nu petreseine ind' a la menestre


si dice di persona che non sa farsi i fatti prorpi

ce s'asseite secche, ce cameine lecche


chi si adagia non progredisce, chi invece procede ci guadagna sempre

ce nan sepe fè l'arte, la trasceine


chi non conosce l'arte, la trascina, cioè la rovina

ce rombe peghe e le cocce so le seue


chi rompe paga, ma i cocci rotti rimangono suoi

gaddeina vecchie fesce brode bbune


gallinavecchia fa buon brodo

'mbere l'arte e mittele da parte


impara l'arte e mettila da parte3

mideche pietose, chieche mostruose


da un medico troppo pietoso, non ci si aspetti buona cura

megghiere e vuve de le paise teue


moglie e buoi dei paesi tuoi

ce Gesù Creste benedeisce l'annete, da na vèite facime na cannete, do reste ca c'iavanze facèimme r'acèite, jà bune pè la 'nzalete


se Gesù Cristo benedice l'annata avremo buon vino da bere, e forse anche buon aceto per i condimenti

la carne mette carne, ma re mire mette sang'he


la carne mette carne, il vino mette buon sangue

megghjera ggiovene, mire vecchie


bisogna avere la moglie giovane e il vino invecchiato

quand u candnire stè vecèine a la porte, re mire jà aceite


se il cantiniere sta sull'uscio è segno che il vino non è molto buono

L’art ià belle ma ne pecch scurdenne.


L’arte è bella, ma il riconoscimento tarda sempre

Mo vèjn tatt da fòr checozz ammense e checoz tròv.


Ora vien tata dalla campagna: zucca porta e zucca mangia

Pacienze diss u monech e se mangiue na frettue.


Pazienza esclamò il monaco, ma non trascurò di divorarsi una frittella

Quanne vèun u monech a ccast pigghiatell a rreir.


Quando viene il monaco a casa tua, nascondi la tua contrarietà con un sorriso

Quanne chiù nnanz scem cambiù calavris acchiem.


Quanto più innanzi andiamo, più calabresi troviamo

La vecchie nan uvulaie murì meie, quanne cchiù staie, cchiù se mbaraie.


La veccjia non voleva morire mai per continuare ad imparare

Anem e ndere n anse sepe ce nneve.


Coscienza e denaro non s sa chi li possiede

Tre zen e tre zen ce me futt na volt na me futt cchiene


«trezen trezen» se mi imbrogli una volta, non mi imbroglierai in seguito.

Pulezeie, diss u pazz e se vulteie la cammise a la nmers.


Pulizia esclamò il pazzo e indossò la camicia al contrario

Diss u purc a la scrof: tutt’e duue mangieme puleit


Disse il maiale alla scrofa: tutti e due mangiamo con pulizia

U prime d’aprile, se pigghiene pe fese le menghiareille


Al primo aprile si prendono in giro i cretini

Acque e fuche feusse quante pute.


Da acqua e fuoco corri quanto più puoi.

Ce tene sandate, tene totte, ce tene sandate, tene terreise


Chi ha salute ha tutto, chi ha salute, ha soldi

Sa mugghi a jesse vacche de carne ca de terreise


È meglio essere vecchio di carne, che di denaro

Aggjhie salute è mange pene tueste


Abbi buona salute e mangia pane duro

Quanne se pèrde la saleute, se chiange


Quando la salute va in malora, soltanto allora la si piange

ce u’ diavue asseje t’accarezze, vole l’anime


chi esagera con le lusinghe, chiede in cambio qualcosa di grosso – nessuno fa niente per niente

carna treste nan la vole Creste


le persone poco raccomandabili non sono gradite nemmeno al Cristo

nu pèile de femene teire nu bastèmende a mere


il volere delle donne a volte è così forte da fare grandi cambiamenti

ce tarde arreive, male alloggie


chi tardi arriva, male alloggia

ce tene la cumedetè e nan'ze ne serve, jà nu fesse


chi ha comodità da venedere e non se ne serve, è di certo uno stupido

chiacchiere e tabbacchere de legne, u Banghe de Napue nan'z'embegne


sulle chiacchiere seminate al vento, non si costruiscono certezze

ad accarezzè u' meule, jè sole stambete


chi perde tempo dietro a imalaffari, si trova pure bastonato

ce cange penzire ogne mumende, nan conclude niende


chi cambia troppo spesso opinione, alla fine non conclude nulla

ce de sunne s'abbotte, de fame se fotte


dedicato ai dormiglioni, che a volte per dormire rischiano di non mangiare

ce vù gabbé u veceine, alzete subbete la matèine


se vuoi primeggiare rispetto agli altri, devi ingegnarti e saperli anticipare

vè sembe cu chire megghje de teiche, e falle r spese


accompagnati sempre con gente dalla quale puoi sempre imparare qualcosa

ammore de villeggiateure, pècche deure


attenzione agli amori estivi, perché durano poco

ce troppe fateiche, ind'o sacche s'àcchie


chi molto lavora, si trova il guadagno tutto ben conservato

ce tene timbe, nan aspette timbe


chi ha tempo, non aspetti tempo

ce rombe peghe e le cocce so le seue


chi rompe paga, ma i cocci rotti rimangono suoi

gaddeina vecchie fesce brode bbune


gallinavecchia fa buon brodo

'mbere l'arte e mittele da parte


impara l'arte e mettila da parte

mideche pietose, chieche mostruose


da un medico troppo pietoso, non ci si aspetti buona cura

megghiere e vuve de le paise teue


moglie e buoi dei paesi tuoi

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Terlizzi

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno