Sanità e politica

I consiglieri della sinistra del nord-barese: «Difendiamo la Sanità pubblica locale»

«Solo dopo aver garantito il mantenimento delle strutture sanitarie esistenti, il Governo regionale istituisca subito la Commissione regionale che dia il via alle procedure per l'ospedale nord-barese»

Politica
Terlizzi lunedì 16 luglio 2018
di La Redazione
corsia di ospedale
corsia di ospedale © n. c.

I consiglieri comunali della sinistra del nord-barese diffondono una nota a sostegno della sanità locale.

Tra i firmatari del comunicato i consiglieri comunali e i circoli di Sinistra Italiana -Giovinazzo, di Primavera Alternativa - Giovinazzo, di Sinistra Italiana - Molfetta, di Sinistra Ruvese e Sinistra Italiana - Ruvo di Puglia, di Rifondazione Comunista – Ruvo di Puglia, de La Corrente -Terlizzi, di Sinistra Italiana - Bitonto e di Sinistra Italiana - Corato.

Riportiamo di seguito integralmente la nota, lunga e articolata:

Nel febbraio 2016 la Giunta Regionale ha approvato la prima versione del Piano di Riordino Ospedaliero (PRO). Già in quella data il Nord Barese, ovvero sei Comuni con una popolazione complessiva di oltre 180mila abitanti, presentava l’indice di posti letto più basso della Regione,pari a soli 156 posti letto tra Molfetta e Corato. Una dotazione insufficiente se già solo la si confronta con il Comune di Bisceglie che ha 178 posti letto (pl).

La delibera definitiva del Piano di Riordino Ospedaliero (10/3/2017) prevede per la suddetta area, che potremmo definire “area Nord Barese di ASL Bari” per differenziarla da “Area adriatica Nord Barese” (già identificata dalla Giunta Vendola per l'edificazione del nuovo ospedale fra Molfetta, Bisceglie, Terlizzi, sede confermata dal Piano di Riordino Ospedaliero di Marzo 2017 nella programmazione a lungo termine, e che comprende Bisceglie) solo 156 posti letto fra Corato, individuato come ospedale di 1° livello, Molfetta classificato come ospedale di base, e Terlizzi chiuso e riconvertito ad attività territoriali (PTA: Presidio Territoriale di Assistenza), come ribadito dalla recente delibera di GR del 12/6/2018.

Noi consiglieri comunali e circoli della Sinistra del Nord barese denunciamo che questa carenza in posti letto e il depotenziamento delle strutture sanitarie che da alcuni anni è stato portato avanti nel territorio compreso tra Molfetta e Corato non garantisce più la salute dei cittadini del Nord barese.

Qualche esempio:

l'Ospedale di Molfetta negli ultimi anni ha perso dieci Primari, tutti andati in pensione e mai sostituiti; da anni sono chiusi il reparto autonomo di Nefrologia, cui fanno riferimento tutti i pazienti nefropatici del nostro territorio, e metà del reparto di Medicina Interna; il PRO prevede la chiusura dei reparti di Urologia e Cardiologia.

non hanno avuto sorte migliore gli Ospedali di Terlizzi e Corato, per cui al momento il numero di Primari (Direttori di Struttura Complessa) nei tre ospedali ad oggi si conta sulla punta delle dita…ma di una sola mano!!! A Terlizzi sono state chiuse la Chirurgia e la Cardiologia ed è attesa la chiusura di tutto l'ospedale, come da Piano di Riordino Ospedaliero e da delibera di giugno 2018, che dispone la trasformazione del presidio in Pta. Chiusi i circa 35 posti letto di Medicina e Pneumologia, ci chiediamo dove saranno ricoverati i pazienti di area medica nella prossima stagione invernale, visto che già nel passato inverno molti sono stati trasferiti (con aggravio di costi sociali per i pazienti e le loro famiglie) per mancanza di posti letto disponibili in zona e ricoverati a Noci, Cerignola, S.Giovanni Rotondo...?! Per quanto possiamo ancora tollerare che i pazienti psichiatrici del nostro territorio vengano trasferiti quasi abitualmente nel Salento, nel Foggiano, in Basilicata e persino in Calabria?! Chiuso l'ospedale di Terlizzi, che succederà dei pazienti in lista d'attesa per interventi programmati in Oculistica e Chirurgia Plastica?

È grave la situazione dei Poliambulatori nell’area del Nord barese: liste d'attesa lunghissime, continuo depotenziamento e per la mancata sostituzione del Medici che vanno in pensione e perché la ASL non provvede a dare seguito alle giuste richieste di potenziamento dell'attività ambulatoriale fatte dai Distretti. Quanto detto si concretizza come un vero e proprio attentato al Diritto alla Salute in quanto per avere in tempi ragionevoli le prestazioni, visite ed esami, chi ha la possibilità le esegue a pagamento e chi non c’è l'ha rinuncia a curarsi.

In questo clima pesante per la Salute pubblica, si inserisce la “Carta di Ruvo”: alcuni giorni fa, a distanza di due anni trascorsi inutilmente, il Comitato che l’aveva promossa e che è diventato un interlocutore istituzionale privilegiato nel territorio nei confronti della Regione, scriveva: “Con la Carta di Ruvo abbiamo già ottenuto risultati importanti per il nostro territorio, già destinato alla desertificazione sanitaria” .

Il Comitato della carta di Ruvo, evidentemente, vede un’altra realtà del Nord barese!

Il colpo di grazia la Giunta Regionale della Puglia lo ha assestato con la Delibera di Giunta n. 1001/2018 che sancisce la chiusura di un presidio ospedaliero come Terlizzi. Quindi la politica dello smantellamento della Sanità del Nord barese prosegue mentre nulla viene detto su un progetto e un luogo per questo Ospedale Unico per l'area che va da Bitonto a Corato.

Noi consiglieri comunali e circoli della Sinistra del Nord barese

denunciamo lo smantellamento delle strutture pubbliche in un territorio così vicino al capoluogo che di fatto comporta un maggior flusso di pazienti verso le strutture private ampiamente tutelate dal Piano di Riordino Ospedaliero

e chiediamo che:

per i Comuni di Giovinazzo, Ruvo e Terlizzi, nel momento in cui dovessero essere chiusi i Pronto Soccorso, siano date garanzie alle urgenze con la presenza di ambulanze medicalizzate del 118 e in tutti i comuni venga potenziata l'attività specialistica dei Poliambulatori e quella territoriale in generale;

si blocchi subito la chiusura o il ridimensionamento delle strutture ospedaliere di Terlizzi e Molfetta per la gravissima carenza di posti letto, che si verrebbe a creare, e per la sottrazione di risorse (Urologia, Cardiologia, Pneumologia, Oculistica, Chirurgia Plastica) a qualsiasi programmazione ospedaliera da realizzare in futuro.

Solo dopo aver garantito il mantenimento delle strutture sanitarie esistenti, il Governo regionale istituisca subito la Commissione regionale che possa procedere alla individuazione di un luogo e alla predisposizione di una bozza di progetto e di gestione per un Ospedale Unico.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Dante ha scritto il 18 luglio 2018 alle 22:56 :

    Dopo aver depredato si lascia quel che resta agli avvoltoi. Un ospedale che chiude, gente sballottata in ambulanza anche a centinaia di chilometri, altri in attesa da mesi per una visita ed altri invece, in camice bianco, che continuano a fare il doppio gioco fra ospedale, intramoenia, turni aggiuntivi pagati a peso d’oro, studi privati ecc ecc. Rispondi a Dante

  • Pippo ha scritto il 16 luglio 2018 alle 15:42 :

    Consiglieri troppo parole parole dovete agire Rispondi a Pippo

  • Giuseppe de Chirico ha scritto il 16 luglio 2018 alle 14:48 :

    E' paradossale che i sinistri firmino una delibera contro la sinistra dopo averne fatte mille e una con scandali fino a qualche giorno fa. Forse siete un po in ritardo e non credibili. Un ritardo di soli 20 anni, tempo in cui l'unica cosa che vi è riuscita è stata la distruzione sistematica della sanità. Un plauso. Rispondi a Giuseppe de Chirico