Il post

Michelangelo De Chirico: «Segnali appesi "per opera dello Spirito Santo"»

Dopo l'ennesimo episodio, il consigliere comunale d'opposizione definisce «deprecabile questo stato di degrado che si trascina da anni senza che si capisca a chi spetti praticamente la manutenzione​»

Politica
Terlizzi domenica 12 agosto 2018
di La Redazione
De Chirico col segnale stradale
De Chirico col segnale stradale © Facebook

«Nel corso di questi anni ho segnalato più volte la pericolosità di diversi segnali appesi "per opera dello Spirito Santo", come si suol dire dalle nostre parti per indicare uno stato di precarietà». Lo dice il consigliere comunale di opposizione Michelangelo De Chirico in un post sul suo profilo Facebook.

«In più circostanze – prosegue - ho raccolto i segnali caduti sotto i miei occhi e li ho consegnati personalmente alla Polizia municipale affinché si desse subito seguito al ripristino degli stessi. Purtroppo duole constatare che la sciatteria e l'irresponsabilità amministrativa regnano sovrane e i segnali vengono ammucchiati presso gli uffici come fossero ferro vecchio, lasciando gli incroci senza segnali», scrive pubblicando l’immagine piuttosto eloquente che vedete a corredo dell’articolo.

«Ieri sera (martedì, ndr) l'ennesimo episodio mentre passavano dei bambini. Sinceramente trovo deprecabile questo stato di degrado che si trascina da anni senza che si capisca a chi spetti praticamente la manutenzione della segnaletica verticale, demandando sempre alle costose e fantomatiche gare per la fornitura di nuovi segnali.

Stavolta il segnale lo custodirò personalmente, sempre pronto a consegnarlo appena mi diranno quando effettueranno il controllo e la manutenzione di tutti i segnali della città...(dopotutto paghiamo con i nostri soldi)», conclude.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Poppo ha scritto il 12 agosto 2018 alle 09:43 :

    Antonio de Curtis , in arte Toto' ( e io pago ) comunque si sa chi e che ne risponde , poi se succede un incidente di chi e la colpa? Rispondi a Poppo