La nota del consigliere regionale di Forza Italia

Psr bloccato, Damascelli chiede audizione in commissione agricoltura

«Chi ha sbagliato se ne assuma le responsabilità»

Politica
Terlizzi martedì 13 marzo 2018
di La Redazione
damascelli e minutillo, forza italia
damascelli e minutillo, forza italia © Forza Italia

«Doveva iniziare nel 2014 per terminare nel 2020, ma in Puglia il Psr, il Piano di Sviluppo Rurale, è ancora all’anno zero. Nelle statistiche sull’avanzamento dei bandi siamo fanalino di coda con appena il 9,6% dei fondi spesi, ma in realtà per gli agricoltori pugliesi il Psr non è mai partito e i relativi fondi rappresentano una chimera. Ciò è dovuto alle errate strategie di organizzazione dei bandi e alle scelte scriteriate del Governo regionale, che solo oggi inizia a fare marcia indietro, accettando di discutere con il partenariato le modifiche ai criteri di selezione (tra cui la famigerata “redditività”) e ammettendo implicitamente gli errori commessi. La conseguenza di tutto questo è che sono ancora bloccati un miliardo e 600 milioni di euro di risorse finanziarie dell’UE per l’agricoltura pugliese».

Così Domenico Damascelli, consigliere regionale di Forza Italia e vicepresidente della Commissione Agricoltura, che al fine di ricevere risposte da parte della Regione sui gravi ritardi del Psr Puglia 2014-2020 ha presentato richiesta di audizione dell’assessore alle Politiche agricole, del presidente della Giunta regionale, del direttore del dipartimento Agricoltura, Sviluppo rurale e ambientale e dei referenti delle Misure del Psr Puglia, alla presenza dei rappresentanti delle organizzazioni professionali di categoria agricole.

«Il quadro – spiega Damascelli – è davvero desolante: Misura 11, agricoltura biologica, in attesa di liquidazione dal 2016 per una congrua percentuale di beneficiari; Misura 10.1, agricoltura integrata, con notevoli ritardi nei termini di pagamento. Poi c’è il problema paradossale dei ricorsi al Tar, che si pronuncerà a maggio. Nel frattempo, non essendoci alcuna determinazione di sospensiva dei termini, le aziende in posizione utile di graduatoria dovranno procedere con la preparazione e la consegna della cantierabilità entro fine aprile. E questo comporterà costi rilevanti per le imprese, pur senza alcuna garanzia di ammissione agli aiuti».

«È dovere di chi ha creato questo sfacelo – dichiara il consigliere Fi – risolverlo senza ulteriori indugi. Che farà la Regione adesso? Sospenderà le scadenze per i giovani che hanno fatto richiesta della misura 4.1 A per il primo insediamento? Revocherà il bando e ne farà uno nuovo? Procederà con lo scorrimento delle graduatorie? Sta di fatto che questa situazione ha creato danni enormi all’intero sistema economico in Puglia, non solo per la fallita opportunità di sviluppo dei fondi europei non ancora sfruttati, ma anche perché si stanno mettendo in ginocchio le aziende agricole e tutte quelle dell’indotto, a causa della mancata erogazione delle risorse del Psr. Fortemente penalizzati i produttori e rivenditori di macchine agricole rimaste invendute, i professionisti che hanno lavorato per anni a vuoto, gli agricoltori che vedono frustrati i propri sogni di sviluppo aziendale».

«Tutto questo – prosegue il forzista – è davvero assurdo. Ora il Governo regionale recuperi il terreno perduto e soddisfi le esigenze del settore primario pugliese. Non si era mai verificato prima un contenzioso giudiziario nella storia dei finanziamenti europei in agricoltura. Il Psr è stato mal gestito e l’Amministrazione regionale deve fare ammenda e porvi subito rimedio».

«Considerata la fase fortemente critica, ritengo che all’audizione debba partecipare – conclude Damascelli – anche il presidente Emiliano, che ha il dovere di intervenire ai lavori della Commissione Agricoltura su un argomento importantissimo per la Puglia».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette