La nota

La Corrente: «Bando alle chiacchiere. L'amministrazione Gemmato non ha un'idea di città»

La Corrente torna sulla questione dei bandi sulla Community Library e lo spettacolo dal vivo, il cui esito è stato infausto, in entrambi i casi, per il Comune di Terlizzi, giunto nelle retrovie tra i partecipanti

Politica
Terlizzi mercoledì 10 gennaio 2018
di La Redazione
la corrente
la corrente © TerlizziLive.it

La Corrente torna sulla questione dei bandi sulla Community Library e lo spettacolo dal vivo, il cui esito è stato infausto, in entrambi i casi, per il Comune di Terlizzi, giunto nelle retrovie tra le municipalità e i soggetti giuridici partecipanti.

Il movimento, nella fattispecie, replica con un comunicato alla dichiarazione di Gemmato, che aveva accusato l'opposizione di speculare sul risultato non positivo per il nostro Comune.

"Bando alle chiacchiere - esordisce ironicamente il movimento -. Continueremo a non rispondere alle offese e alle provocazioni del sindaco e di alcuni suoi consiglieri di maggioranza. Atteggiamento comprensibile e tipico di chi non ha argomenti. Il sindaco può anche prendersela con le “opposizioni” ma dovrebbe spiegare alle cittadine e ai cittadini di questa città le ragioni dei mancati finanziamenti (Community library, bando per gli spettacoli dal vivo)".

"Su questo, a parte il ridicolo 'non abbiamo vinto il finanziamento perché a quei bandi concorrono tanti comuni e le risorse sono poche' che si commenta da solo, il sindaco devia lanciandosi in un elenco di opere pubbliche. L’amministrazione Gemmato in questi anni si è distinta per l’assoluta incapacità di intercettare nuovi finanziamenti e la dimostrazione sta proprio nell’elenco fatto dal sindaco per controbattere alle accuse dell’opposizione. Ha avuto la faccia tosta di inserire nel suo elenco anche i 7 milioni di euro del sottopasso, di cui tutti ricordano lo scandalo della restituzione alla Regione.
Quei soldi Gemmato li aveva ereditati dall’amministrazione Di Tria, e solo grazie all’impegno del centrosinistra terlizzese e regionale, stanno ritornando alla comunità per la realizzazione del sottopasso", spiega il movimento.

"Anche il milione di euro per la mitigazione idraulica risale all’amministrazione di centrosinistra che lo ha preceduto.
Stendiamo un velo pietoso sul milione di euro che si vanta di aver ricevuto per la videosorveglianza, considerata la completa inutilità dei soldi sperperati in videocamere installate nei giardini della città e che avrebbero dovuto dissuadere e identificare i vandali delle giostrine per bambini. Un totale fallimento, considerato che le giostrine sono state tutte vandalizzate e nessun vandalo è stato mai identificato", attacca La Corrente.

"I soli finanziamenti che Gemmato può vantarsi di aver ricevuto sono quelli per le scuole, che arrivano ormai quasi in automatico ai Comuni per l’efficientamento e la messa a norma degli Istituti Scolastici, ma nemmeno in questo caso può dire di aver fatto un buon lavoro, visti i problemi che sta avendo la scuola materna di via Sanremo, appena ristrutturata e subito allagata. Gli altri finanziamenti che Gemmato ha citato sono l’ordinario per qualsiasi Comune italiano, e si tratta di modeste somme che non cambiano più di tanto la qualità della vita dei cittadini. La verità è che in questi anni di amministrazione di destrasenzacentro è mancata del tutto una vera capacità di pensare ad una Terlizzi moderna, evoluta, a misura di bambino/a, di anziani e di cittadini - conclude La Corrente -. È mancata un’idea di città, l’intelligenza di programmare gli interventi, e la conseguente capacità di far ricorso alle risorse regionali, statali e comunitarie a sostegno dei Comuni. Gemmato non ne è stato capace nella sua prima legislatura e purtroppo per noi non lo sarà neanche in questo secondo mandato, perché lui e la sua coalizione non ne hanno le capacità politiche ed amministrative, se ne facciano una ragione".

Lascia il tuo commento
commenti