La vicenda domenica sera nel Clock caffè di piazza Cavour

Violenza nel bar, convalidati gli arresti per i due albanesi

Devono rispondere di estorsione e danneggiamento aggravati, violenza e resistenza a pubblico ufficiale​. ​Per uno, con precedenti, è stata disposta la permanenza in carcere, il secondo è ai domiciliari

Cronaca
Terlizzi giovedì 09 agosto 2018
di La Redazione
Arresto
Arresto © n.c.

Sono stati convalidati ieri pomeriggio gli arresti per i due uomini di origini albanesi dimoranti a Terlizzi che domenica sera hanno spaventato proprietari e avventori del Clock caffè di piazza Cavour, minacciandoli e provocando danni al locale. Per uno di loro, con precedenti specifici per questo genere di reati, è stata disposta la permanenza nel carcere di Trani; per il secondo, incensurato, l’obbligo di dimora.

I due, colti in flagranza di reato, devono ora rispondere di estorsione aggravata, danneggiamento aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. L’arresto è scattato a seguito di diverse richieste di intervento pervenute al 112 da parte di alcuni clienti del bar, i quali, impauriti, sono stati costretti ad assistere alle scene di violenza. I fatti si sono verificati mentre erano in corso i festeggiamenti della festa patronale in onore della Madonna di Sovereto e la piazza era gremita di gente.

I due, intenti a consumare delle birre, alla richiesta di pagamento avanzata dal titolare, hanno pensato bene di colpirlo con schiaffi e pugni, minacciandolo di morte e brandendo tra i presenti, molti dei quali bambini, un coltello, per costringree lo sfortunato barista a servire loro ancora da bere. Non paghi delle loro gesta, e vedendosi negate le ulteriori consumazioni, i due hanno quindi danneggiato il locale mandando in frantumi diverse bottiglie presenti sul bancone.

A quel punto sono arrivati i Carabinieri che, intervenendo in forze, dopo una breve colluttazione, li hanno tratti in arresto. Durante le fasi di contenimento dei due arrestati, è stata danneggiata anche un’autovettura di servizio dell’Arma. I due fermati, entrambi non in regola con i documenti di soggiorno, in seguito all’arresto sono stati condotti, su disposizione della Procura di Trani, presso la Casa Circondariale della medesima città, mentre il coltello nella disponibilità di uno degli arrestati è stato sequestrato.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti