martedì 24 dicembre 2013 Cronaca
Nuovo episodio di violenza, ma ora non c'è più tempo da perdere

Altra notte di violenza a Terlizzi, un uomo accoltellato

A distanza di qualche giorno da un altro grave episodio, nella notte appena trascorsa ci è scappata la tragedia

Segnala questa notizia ai tuoi amici con una email
A:
Da:
Messaggio:
aggressione e violenza
- aggressione e violenza © n.c.

Ennesimo episodio dato dagli effetti dell'alcool.

A farne le spese è un esercente di un noto Bar del centro di Terlizzi.

Ancora una volta nel gesto furibondo è stato utilizzato un affilato coltello, da parte di un non precisato individuo, il quale ha inferto un colpo secco che per poco non si è infilzato nel costato del malcapitato gestore del Bar, reo di aver negato l'oasi di pace in cui si rifugia il bevitore accanito, ovvero una birra ghiacciata.


L'aggressore, nonostante fosse già in evidenti condizioni di delirio alcolico,  è riuscito a sfregiare l'epidermide dell'addome del proprietario del Bar del centro, procurandogli una ferita guaribile in una decina di giorni.

A quanto pare la crisi sociale ed economica, condiziona i più deboli, e degenera in atti di violenza incontrollati. Come è accaduto nuovamente qualche giorno fa.

La crisi in cui vive la nostra società, provoca dipendenza da mondi paralleli legati all'alcolismo e alla rassegnazione dell'individuo abbandonato alla paura della propria condizione di inutilità sociale.

Un grave fenomeno di disagio sociale che le istituzioni non riescono a controllare e curare.

Non è più il caso di parlare di casualità, ormai questi episodi rientrano nella routine delle giornate fredde e cupe e ci chiediamo in che modo si possa porre rimedio.

Cosa aspettano i rappresentanti delle istituzioni locali ad analizzare e approfondire le dinamiche in cui maturano questi episodi e a quale dimensione  appartengono ?

La paura di rimanere vittime di simili episodi, si manifesta anche nella mancanza di presenze nelle strade e nei punti di incontro, sempre più vuoti perchè si preferisce uscire per andare in posti più sicuri di Terlizzi ?

Una situazione che ci auguriamo sia circoscrivibile ai pochissimi casi, ma allarmante al punto di dover intervenire con la massima urgenza, prima che possa scapparci il dramma irrimediabile di un lutto che marchierebbe la nostra comunità in maniera infamante.

I Carabinieri e il Pronto Soccorso di terlizzi hanno svolto con particolare impegno il proprio compito, lavorando alacremente, ma nulla possono per fronteggiare tale degenerazione se non attraverso un piano organico di intervento sociale che oggi può risolvere molto.

Domani potrebbe essere troppo tardi.

 

Commenta la notizia

Non verranno convalidati i commenti che:

  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
11 Commenti
il 26 dicembre 2013 alle 23:42
giacomo di bari
palmiro del re è incazzato.......... e si capisce anche il perchè. essere aggredito da un parassita è veramente una cosa da voltastomaco. caro palmiro, la prossima volta portati una bomboletta di insetticida in tasca, se ce l’avevi a portata di mano quando hai subito l’attacco, probabilmente avresti ucciso l’insetto.
il 26 dicembre 2013 alle 17:33
palmiro del re
vorrei questo che con tranquilitanon dico tanto il sindaco che a me personalmente mi fa un baffo e tutti i suoi scagnozzi ha dirmi il xke che giustamente cell’ho con loro si da quando e nata questa sciagurata amministrazione e non mi tiro indietro x niente a ritirirare cio che scrivo e penso di loro anzi confermo in faccia se viene qualcuno di loro a chiedermelo !!!!! senza ombra di dubbio !!!!
il 26 dicembre 2013 alle 17:27
palmiro del re
redazione x cortesia pubblica questo commento xke uno o forse tutt e due gestori sono brave persone sia uno che l’altro ugualissimi xbene aggiungo cher se dovessi trovarmi a qualsiasi altro bar di notte di quelli che sono pochi aperti a quell’ora li dinfenderei senza preclussioni xke il dovere dell’amministrazione e di far vigilare le forze dell’ordine anche di notte :) e un diritto sacrosanto di ogni cittadino .. questo vi ringrazio diin anticipo di pubblicare sia il primo che il secondo commento grazie infinite
il 26 dicembre 2013 alle 17:19
palmiro del re
GRAZIE COMMENTO N.7 QUESTO E LA NOSTRA AMMINISTRAZIONE !!!!!! commento n’6 il bar che frenquentano qualche no stro amministratore compre il loro scvagnozzo ex fusaro
il 26 dicembre 2013 alle 16:54
un cittadi no
commento 6, il bar è uno dei migliori di terlizzi, frequentato da ragazzi perbene e con dei gestori seri e responsabili. per quanto è successo, si dovrebbe dare un encomio al titolare del bar perchè si è preso una coltellata che, per poco non è finita in tragedia, pur di non dare bevande alcoliche ad uno che dava già segni di ubriachezza. naturalmente, per questi amministratori è da premiare solo chi esercita provocazione e violenza (caso cacciapaglia, docet).
il 25 dicembre 2013 alle 00:59
Francesco Piattola
A che bar è successa qua sta sciagura?
il 24 dicembre 2013 alle 18:33
Nicolò Vallarelli
Il sindaco è titolare sia di un potere generale di ordinanza da esercitare, quale ufficiale del Governo, qualora sorga la necessità di provvedimenti contingibili e urgenti, anche, tra l’altro, in materia di “sanità ed igiene”, “al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità dei cittadini” (cfr., ora, l’art. 54, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267), sia di poteri speciali in materia di inquinamento acustico, come, ad esempio, il potere, attribuito dal comma 3 del cit. D.Lgs. n. 267 del 2000), di modificare gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici. La situazione a Terlizzi è preoccupante, soprattutto per l’incolumità dei giovani ragazzi che frequentano i locali.
il 24 dicembre 2013 alle 18:17
rocco marinelli
Iniziamo col chiudere questi rumorosi bar,i residenti ormai sono stanchi di questi rumori che si protraggono fino a notte fonda, la gente e’ stanca basta non ce la facciamo piu’... troppi ubriachi approfittano per dare fastidio e rompere le scatole alla brava gente.Caro sindaco prenda urgenti provvedimenti ....o si dimetta che fa’ piu’ figura....
il 24 dicembre 2013 alle 15:57
Cittadino Italiano
Che le cose hanno bisogno di essere riviste ed aggiornate e’ vero; pero’ che si debba dire che queste cose accadono per colpa della crisi,assolutamente" balle". La crisi c’e’ anche per me; pero’ io non mi ubriaco e non vado in giro accoltellando gente.
il 24 dicembre 2013 alle 15:51
E venne la notte a Terlizzi
Il pesce puzza dalla testa. Sono sempre le persone più in vista che danno l’esempio e per come si sono posti i nuovi amministratori di destra, nel nostro comune, non danno affatto un buon esempio ai giovani più deboli che tendono più facilmente allo sbandamento e al crimine. Le continue e sistematiche provocazioni verso gli avversari politici che, la destra opera in consiglio comunale, con i manifesti offensivi scritti con un linguaggio di puro stampo fascista, su facebook, su Terlizzilive e non ultimo, anche con le aggressioni fisiche come quella subita da Palmiro Del Re, da parte del più intimo amico del sindaco, non fanno altro che incoraggiare i dementi a comportarsi nello stesso modo e queste sono le conseguenze. Non è un caso che, questi episodi di violenza e aggressioni, si sono moltiplicati da quando si è insediata questa amministrazione. Dopotutto, l’ideologia fascista è madre della violenza e i fascistelli nostrani, non stanno certamente fallendo, in questo.
il 24 dicembre 2013 alle 14:26
Nicolò Vallarelli
La situazione in cui imperversa Terlizzi è identica a quella di altri paesi limitrofi dove non mancano episodi di cronaca. Semmai la situation è resa più preoccupante a causa della mancata politica del territorio. Forse nessuno conosce realmente la dimensione del fenomeno, però è necessario attivare un tavolo di confronto, a cui siano invitate anche le Associazioni di Volontariato, la CARITAS per prima, poichè "una vita alla Roxy Bar" non è più sostenibile...bar e slot...Non si possono lasciare gli esercenti da soli, dopo una certa ora della sera, alla faccia del liberismo, senza orari per la chiusura, con musiche "a palla", con disturbo alla quiete dei residenti. L’augurio è una pronta guarigione per il malcapitato e che si studi urgentemente il fenomeno. Quando alla ragione si antepone la forza brutale la civiltà non è più tale.
{ "items": [{ "data_inizio": "2013/12/01", "data_fine": "2013/12/01", "immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Corato/cornice/quinto-cornice.jpg", "href_immagine": "https://www.facebook.com/photo.php?v=10200778094078546&set=vb.638337366217227&type=2&theater", "attivo":"si", "colore_sfondo":"#0A1622", "top":"180" }] }

Le più lette del mese