La Madonna in Piazza

La Vergine di Sovereto: il miracolo prodigioso di una Fede secolare

Il 16 aprile è una delle date più significative del calendario liturgico popolare: alle 14 l'ostensione della Icona Nera della Madonna di Sovereto in Cattedrale

Attualità
Terlizzi lunedì 16 aprile 2018
di Paolo D. Vallarelli
Madonna di Sovereto
Madonna di Sovereto © paolo vallarelli

Come note di pianoforte.

Come una tenera melodia di un violino.

Parole appena pronunciate. Una leggenda dal prodigioso lieto fine, che lascia stupiti per la sua grande bellezza. Siamo qui, siamo con Te, felici di riprendere il nostro cammino, tenendoci per mano, mentre nell’altra, forte stringiamo candele luminescenti. Siamo qui, a scrivere il nostro futuro. Siamo qui in questi vicoli stretti del nostro passato, ad appressarci per ammirarti: Tu centro della nostra attesa e consolatrice delle nostre sofferenze.

Siamo qui a riprenderci i nostri sogni, ad abbracciare la nostra secolare Fede, a cercare nuove vie di speranza. Attendiamo l’apertura delle porte della Chiesa Madre, per poterti ammirare da vicino, da molto vicino. Con occhi sempre diversi, ci emozioniamo davanti a questo lungometraggio, quasi fossimo tutti protagonisti di una meravigliosa trama di un film, girato a cielo aperto. Ti seguiremo fino a quel borgo antico, forse vinti dalla stanchezza per il lungo cammino, ma sempre temprati dalla Tua presenza, tra passato e futuro.

Ché quelle case di pietra ci dicono chi siamo, e chi diventeremo, tra dieci, cento, mille anni ancora…

Lascia che quel pastorello Ti indichi la via, fino alla fine, con la sua fronte madida di sudore, quasi trascinato da quella pecora algida come la neve, di tanto in tanto bizzarra.

Ben ritrovata tra noi, Vergine della Città, Patrona di un popolo intero.

Sei Tu la nostra Memoria.

Sei Tu la nostra Storia.

Lascia il tuo commento
commenti